Annamaria Balistrieri - 24 giugno 2011


Melania Rea: svelata la tecnica dell’uccisione, è militare!

Melania Rea: svelata la tecnica dell'uccisione, è militare!

Melania Rea: svelata la tecnica dell’uccisione, è militare!

CATANIA, 24 giugno 2011 – Stando ai risultati dell’autopsia del dottor Tagliabracci, riportati dal Messaggero, si aggrava ulteriormente la posizione di Salvatore Parolisi, il marito di Melania Rea, la donna 29enne trovata uccisa il 20 aprile scorso, a due giorni dalla scomparsa, nel teramano. Da quanto trapela infatti dall’esame autoptico, la giovane donna sarebbe stata uccisa con l’ “assalto alla sentinella”, una tecnica militare utilizzata per neutralizzare gli uomini di guardia: Melania sarebbe stata messa a tacere con una mano sulla bocca, poi le sarebbe stata provocata una torsione del capo e infine le sarebbe stata inferta la prima coltellata alla gola, seguita da tutte le altre. Già un mese fa, un’altra presunta tecnica militare utilizzata nell’assassinio della donna, era stata al centro dell’attenzione per delle indiscrezioni trapelate ai giornalisti: i pantaloni della vittima erano infatti stati trovati eccessivamente abbassati, e questo ricondurrebbe all’altra tecnica militare secondo la quale si abbassano il più possibile per rendere la fuga impossibile.
Oggi intanto il caporalmaggiore, indagato per omicidio volontario, sarà interrogato dai pm Monti e Picardi. Walter Biscotti, avvocato di Parolisi fa sapere però che “Non abbiamo ancora deciso cosa farà oggi Salvatore”: c’è quindi la possibilità che il militare si avvalga della facoltà di non rispondere. A proposito invece dell’ indiscrezione relativa all’esame autoptico, per gli avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile “Non ha nessun valore” e “Non merita nemmeno commenti”.

Annamaria Balistrieri

Leggi anche:

5 Commenti pubblicati. Vuoi partecipare alla discussione? Invia il tuo commento!

  1. Esperto 4 luglio 2011 at 20:47 -

    Ma fatela finita se non capite unma zza di queste cose io sono un esperto e vi dico che parolisi e’ innocente

  2. Esperto 4 luglio 2011 at 20:46 -

    Vorrei dire al professor tagliabraccio di tornare a studiare e partire dalle elementari

  3. Sensitivo 24 giugno 2011 at 14:49 -

    Mi preme far notare al commentatore che mi ha preceduto, che non occorre scomodare la dea VISNU’ dalle cento braccia, perché i pantaloni le sono stati abbassati prima di procedere alla seconda fase, sebbene con rapidità di suiccessione, e solo il marito Salvatore abvrebbe potuto cogliere di sorpresa Melania, non un estraneo.

  4. Sensitivo 24 giugno 2011 at 14:44 -

    Non ci sono più dubbi, Salvatore è colpevole. Infatti, se Melania è stata davvero uccisa con la tecnica militare del’assalto alla sentinella, che avete ben descritta, dopo che le erano stati abbassati i pantaloni fino alle caviglie, per non farla scappare, si può confermare alla grande che il suo assassino è proprio Salvatore, il marito. Chi meglio di lui, dell’istruttore caporal maggiore Parolisi, poteva conoscerne non solo la teoria, ma anche la sua applicazione pratica, se non non altro per le moltissime esercitazioni che avrà effettuate, per mostrarne l’impiego sul campo, alle sue numerosissime reclute!?!. Chi meglio di lui, poteva farlo? Nessuno, perché Salvatore aveva dimistichezza con i teatri di guerra più difficili e sanguinosi, come l’Afghanistan od il Kossovo, ecc,. Non mi si dica inoltre che possa essere stata una donna, perchè Ludovica ha provato la sua estraneità materiale, stando a Lecce. Nessun’altra aveva interesse, e non vi sono neppure indizi. Ma soprattutto, per realizzare con successo la tecnica militare dell’assalto alla sentinella, occorrono forza, rapidità e determinazione, al fine di metterla in atto senza fiaschi eventuali, e soprattutto la particolare docilità della donna in quel momento, che non doveva aver sospetti delle intenzioni omicidiarie del suo interlocutore. Infatti Melania si fidava ancora di Salvatore, e men che mai averebbe potuto immaginare comunque che si sarebbe potuto spingere fino ad ammazzare la moglie. E di sangue freddo Parolisi ne mostra fin troppo.

  5. lonzo 24 giugno 2011 at 13:59 -

    Sì , allora l’assassino prima l’ha afferrata alla gola, poi l’ha accoltellata e nel frattempo le abbassato i pantaloni per impedirle di fuggire , allora è tutto chiaro , è stata la dea visnu’ dalle 100 braccia

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.