Tommaso Napoli - 21 dicembre 2012


21 dicembre 2012 ore 11.11 GMT (12.11 in Italia) finisce il calendario Maya

21 dicembre 2012 ore 11.11 GMT (12.11 in Italia) finisce il calendario Maya

21 dicembre 2012 ore 11.11 GMT (12.11 in Italia) finisce il calendario Maya

Ci siamo, il calendario Maya sta per finire, manca pochissimo ed in molti specie in Russia e in Giappone sono fuori a guardare il cielo aspettando che la fine abbia inizio. Come detto in precedenza in altri articoli potete stare tranquilli, il mondo non finirà, almeno non oggi. Il popolo dei Maya, bando a quello che si legge in giro sul web o a sentire i media, non aveva predetto la fine del mondo ma semplicemente la fine di un ciclo e l’inizio di un nuovo ciclo. A tranquillizzare la popolazione mondiale ci pensa ancora una volta la Nasa che dal loro sito ufficiale fanno sentire la propria voce attraverso il seguente comunicato: “Il mondo non finirà nel 2012. Il nostro pianeta andrà avanti per altri quattro miliardi di anni, e scienziati credibili in tutto il mondo sanno che non ci sono minacce legate al 2012″. Ma nonostante ciò in massa, si parla di 20.000 turisti, si sono riversati in Messico e Guatemala per la fine dei 5.200 anni del calendario maya. Un turista in Messico, intervistato da euronews ha dichiarato: “Credo rappresenti una specie di giorno del giudizio universale. Non mi aspetto che accada nulla di magico, anche se mi piacerebbe. Credo sia una data simbolica, sono qui per questo, per entrare, spero, in una nuova era”. Guillermo Bernal Romero, esperto di epigrafia del Centro Studi Maya dell’Universidad Nacional Autónoma de México, ha voluto dire la sua in merito alla fine del mondo: “E’ falso perché il conto del calendario Maya non ha alcun finale prevedibile. Inoltre il calendario indica altri periodi più lunghi, come il piktun, che è la somma di 20 bak’tun, ragioni sufficienti per considerare una sciocchezza la storia della fine del mondo, che è piuttosto un’interpretazione proveniente dall’idea di Apocalisse delle culture cristiane”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.