Redazione - 18 febbraio 2013


Fiorentina-Inter 4-1: nerazzurri disastrosi [video gol e interviste] (Serie A 2012-2013)

Fiorentina-Inter 4-1: nerazzurri disastrosi  (Serie A 2012-2013)

Fiorentina-Inter 4-1: nerazzurri disastrosi (Serie A 2012-2013)

La Fiorentina di Vincenzo Montella, con un perentorio 4-1 supera in casa l’Inter di Andrea Stramaccioni, grazie alle doppiette di Ljajic e Jovetic. Per i nerazzurri il gol della bandiera che chiude la partita del Franchi, lo mette a segno il fantasista Antonio Cassano, con un gran tiro da fuori, imparabile per Viviano. Con questi tre punti, conquistati con una super prestazione, i viola si portano ad un solo punto dall’Inter a quota 42 e a due punti dal terzo posto, occupato da Milan e Lazio (una partita in meno). Domenica prossima, nel posticipo della 26a giornata, Cassano e compagni, si ritroveranno di fronte i rossoneri dell’ex Mario Balotelli.

Andrea Stramaccioni (Inter): “Ho visto la mia Inter stanca ed in difficoltà arrivare sempre seconda sul pallone. La sconfitta è netta, ma questa Inter è troppo brutta per essere vera, soprattutto perchè arrivava da due prestazioni positive. È la quinta sconfitta che subiamo dopo aver giocato il giovedì sera, e siccome in settimana scenderemo di nuovo in campo, dovremo tenere questo dato in vista del derby. Prima di affrontare il Milan andremo in Romania, poi ci sarà questo derby importantissimo non solo per riconquistare la piazza ma anche per questioni di classifica. Abbiamo pagato le fatiche di Coppa più di quanto potessi immaginare. Forse ho sbagliato io a fare delle scelte. Sapevo che avremmo potuto pagare la fatica, ma non pensavo così tanto”.

Vincenzo Montella (Fiorentina): “Non so se sia stata la miglior prestazione, certo l’avversario era notevole e c’è stata continuità. L’unico rimpianto è stato il gol subito quasi alla fine, ma rispetto all’ultima partita c’è stato un balzo in avanti. Abbiamo giocato per divertirci, questo ci ha dato grinta. Con Diego Della Valle non ci siamo scambiati molte battute, ma il suo ritorno allo stadio ci ha dato serenità. Personalmente posso dire che è sempre stato vicino, anche telefonicamente ha sempre dato grande tranquillità e rispettato il nostro lavoro”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.