Filippo Mammì - 20 agosto 2014


“Liberaci dal male”, nuovo film sull’esorcismo sbarca al cinema

"Liberaci dal male", nuovo film sull'esorcismo sbarca al cinema

“Liberaci dal male”, nuovo film sull’esorcismo sbarca al cinema

Arriva oggi 20 agosto nelle sale cinematografiche italiane un nuovo film che sicuramente farà saltare dalla poltrona molti spettatori: stiamo parlando della pellicola triller/horror Liberaci dal male, con protagonista Eric Bana, film tratto da alcune vicende realmente accadute. E’ diretto da Scott Derrickson, regista americano specializzato in pellicole horror di grande successo con risvolti demoniaci, come The Exorcismus of Emily Rose e, soprattutto, l’inquietante Sinister. Come detto sopra, il film è interpretato dall’australiano Bana, nel ruolo di Ralph Sarchie, un poliziotto in servizio a New York, che si ritrova a indagare su una serie di efferati omicidi di evidente matrice religiosa. Nel corso delle indagini, Sarchie viene affiancato da un prete apostata, convinto che dietro gli omicidi ci sia Satana e che siano commessi da un serial killer posseduto; una trama davvero promettente e, sebbene il film sia catalogato come un horror, si tratta di un thriller mozzafiato e spaventoso, con momenti di grande tensione emotiva, assicurano molti critici, per di più con sprazzi di spavento puro ed alcune scene spiazzanti. Seguendo le tematiche che tanto piacciono al regista, nel film è molto presente il fattore demoniaco, con tanto di esorcismo finale, e sicuramente non lascerà delusi gli amanti del genere. E’ pur vero, però, che qualche critico in America ha fatto notare come la trama manchi di unità, essendo tutti i vari casi indagati da Sarchie troppo frammentari e apparentemente scollegati tra loro; e i due protagonisti sembrano quasi banali, troppo scontati per il loro ruolo.

In ogni caso, tenendo conto che il 2014 è stato molto avaro di pellicole horror di un certo spessore, Liberaci dal male si annuncia come un film tutto sommato godibile e meriterebbe una visione.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.