Filippo Mammì - 27 agosto 2014


Miley Cyrus: il suo amico senzatetto è un ricercato

Miley Cyrus: il suo amico senzatetto è un ricercato

Miley Cyrus: il suo amico senzatetto è un ricercato

Una brutta notizia per Miley Cyrus, anche se non la riguarda in maniera strettamente personale: il giovane senzatetto Jesse Helt, 22 anni, che la aveva accompagnata a ritirare il premio all’ultima edizione di Mtv Video Music Awards, sarebbe infatti un ricercato della polizia dello Stato americano dell‘Oregon, per i reati di violazione di domicilio e furto con scasso. Secondo alcune fonti del tribunale locale, Helt fece irruzione, nel 2010, in casa di uno spacciatore che gli aveva venduto della pessima marijuana, almeno secondo il suo racconto, ed era stato successivamente arrestato. Dichiaratosi colpevole al processo, e avendo compiuto 18 anni, fu condannato a 30 giorni di carcere, con successiva libertà vigilata; ma nel novembre 2011, il ragazzo violò la libertà vigilata e scappò, e da quel momento la polizia lo stava cercando con un mandato d’arresto. In questi ultimi anni, Helt si era trasferito a Los Angeles vivendo per la strada e cercando di iniziare la carriera di modello. Il ragazzo è di nuovo irreperebile dopo la serata della premiazione; sembra che la madre abbia raccontato che Miley Cyrus aveva dato dei soldi al figlio per permettergli di mantenersi e che questi stava tornando a casa per una visita. Ma un detective si è recato a Salem, città natale del giovane, e non lo ha trovato in casa. Stando ai documenti del tribunale, la carriera delinquenziale di Jesse è iniziata quando era minorenne, venendo arrestato per tre volte dalla polizia di Salem  per possesso di marijuana, tabacco e alcol.

Secondo quanto raccontato dalla stessa Cyrus, la popstar aveva conosciuto Helt al centro per senzatetto di Hollywood “My Friend’s Place” ed aveva deciso di portarlo alla kermesse di Mtv per richiamare l’attenzione dei media sul problema dei giovani senza fissa dimora. Al momento del ritiro del premio, Jesse aveva anche tenuto un discorso: “Accetto questo premio a nome del milione e mezzo di fuggitivi e giovani senzatetto negli Stati Uniti che muoiono di fame, si sentono perduti e hanno paura della vita in questo momento. So come ci si sente perchè io sono una di queste persone”. Dopo la messa in onda del programma, il telefono di casa Helt a Salem non ha mai smesso di squillare, ma la famiglia non vuole rilasciare dichiarazioni.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.