Filippo Mammì - 18 settembre 2014


Fiction, la Palomar assicura: “Montalbano rimarrà in Sicilia”

Fiction, la Palomar assicura: "Montalbano rimane in Sicilia"

Fiction, la Palomar assicura: “Montalbano rimarrà in Sicilia”

Il commissario Montalbano non emigrerà in Puglia, ma potrebbe restare nella sua Sicilia: è una rassicurazione quella resa dal produttore della Palomar Carlo Degli Esposti, una soluzione possibilista paventata in una lunga telefonata con il governatore della Regione Sicilia Rosario Crocetta. Degli Esposti si dice quindi ottimista: “Crocetta mi ha detto di voler essere al fianco della Palomar per la prossima stagione di Montalbano. Da oggi parte una nuova fase“. Ieri infatti era trapelata una notizia che aveva fatto tremare i fan della serie e l’intera Sicilia: la produzione della serie tv, ispirata ai romanzi polizieschi di Andrea Camilleri, sembrava dovesse trasferirsi in Puglia e lo stesso Degli Esposti aveva già contattato alcuni amministratori locali. Da questo erano scaturite delle polemiche, con i ragusani addirittura pronti a tassarsi pur di far rimanere la produzione lì (le riprese avvengono quasi sempre nella provincia di Ragusa) ed alcune critiche erano state veramente accese e gravi, come quelle di Crocetta rivolte alla Rai per una vecchia storia, e cioè quella della soap Agrodolce, un’operazione produttiva (definita da Crocetta “incauta“) prodotta da Rai Fiction in collaborazione con Rai Educational e con la Regione Siciliana, ai tempi delle giunte regionali di Totò Cuffaro e Raffaele Lombardo, e realizzata da Einstein Fiction. La soap fu girata interamente in Sicilia, ma fu sospesa dalla Rai nel 2011; secondo Crocetta, la Rai non ha mai versato alla Sicilia i soldi che le doveva per quella produzione: “Con quei 25 milioni (la cifra pattuita n.d.r.) dovevano realizzare un grosso centro di produzione a Termini Imerese – ha dichiarato il governatore – ma di quella struttura non abbiamo mai visto nemmeno l’ombra. Nessuno tenti di ribaltare la frittata, perchè la Rai deve restituirci ancora i 25 milioni spariti nel nulla”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.