Tommaso Napoli - 23 ottobre 2014


Canada, terrorista attacca il Parlamento e uccide una guardia

Canada, terrorista attacca il Parlamento e uccide una guardia

Panico in Canada, nella capitale Ottawa, dove un terrorista convertito all’Islam ha sparato e ucciso un caporale di guardia fuori dal Parlamento federale, davanti al National War Memorial. Il soldato rimasto ucciso dagli spari è l’italo-canadese Nathan Cirillo, 24enne membro della riserva dell’esercito di Hamilton (Ontario). La polizia intervenuta tempestivamente è riuscita a fermare l’attentatore e ucciderlo. L’uomo identificato nel 32enne Michael Zehaf-Bibeau, risulta essere un cittadino canadese convertito all’Islam. All’interno del Parlamento sono esplosi diversi colpi d’arma da fuoco, e nelle ultime ore prende sempre più corpo la tesi che Zehaf-Bibeau non abbia agito da solo. L’FBI stava lavorando con le autorità canadesi per determinare se questo è stato un atto di terrorismo di matrice jihadista o solo un attacco isolato. Il primo ministro canadese, Stephen Harper, ha parlato di un “atto spregevole”, e lanciato un messaggio al movimento islamico e agli altri gruppi militanti, dicendo loro che il Canada non si farà intimidire da nessun attacco terroristico e che verrà immediatamente introdotta una nuova legislazione antiterrorismo. Subito dopo l’attentato il Parlamento federale è stato isolato, alla gente del luogo ordinato di non uscire di casa al momento mentre decine di agenti di polizia stanno controllando tutta la zona. “Oggi è un giorno triste e tragico per la nostra città e per il nostro paese” ha dichiarato il sindaco di Ottawa Jim Watson durante una conferenza stampa. Tony Clement, membro del Parlamento di Ottawa, che si trovava all’interno del palazzo al momento delle sparatorie ha scritto sul suo profilo Twitter che almeno 30 colpi di pistola sono stati sentito nel corso della riunione a cui stava partecipando.

L’Associated Press ha riferito che un portavoce della polizia avrebbe rivelato che le autorità sono alla ricerca di altri due uomini armati, ma ulteriori dettagli riguardo questi altri potenziali sospetti non sono ancora disponibili.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.