Tommaso Napoli - 31 ottobre 2014


FI, Minzolini condannato: “Io ostriche e champagne? Scherziamo?”

FI, Minzolini condannato: "Io ostriche e champagne? Scherziamo?"

L’ex direttore del Tg1 e attuale Senatore di Forza Italia, Augusto Minzolini, è stato condannato dalla terza Corte d’Appello di Roma a scontare una pena di 2 anni e 6 mesi per peculato continuato. Al Senatore vengono in pratica attribuite spese in modo improprio effettuate con la carta di credito aziendale. Ostriche, Champagne, super cene nei ristoranti. E’ questo in pratica il tema della puntata di ieri de La Zanzara di Radio 24, che ha fatto intervenire proprio Minzolini, per dargli la possibilità di esporre la sua versione: “Ostriche e champagne? Ma stiamo scherzando? – ribatte l’ex direttore del Tg1 – Lo champagne è quello che ti viene dato in qualunque ristorante e ti danno il flûte iniziale quando ti siedi a tavola. Te lo portano addirittura senza che tu lo chiedi. Quello che ho fatto lo fa qualsiasi direttore, se vuoi fare peculato non è che lo fai con pranzi e cene per andare all’ingrasso. Anzi, lo stesso tipo di trattamento lo avevo alla Stampa, e testimone è Ezio Mauro. E in quel caso non ero neanche direttore”. Minzolini difende la sua posizione ed afferma che lui ai pranzi ci va perché deve farlo: “purtroppo a Roma si fa così, a pranzo fuori ci vanno quelli che devi incontrare”.

Ci sarà il ricorso in Cassazione
“Spero che non succeda a nessun’altro. In primo grado c’era stata l’assoluzione, poi la sentenza di un giudice del lavoro che addirittura ha obbligato la Rai a ridarmi i soldi che avevo anticipato. Dopo 8 mesi e in mezza giornata viene ribaltato tutto. Mi dite che tipo di approfondimento c’è stato con questo verdetto? Il problema in questo Paese è la certezza del diritto. E’ come se un vigile urbano a uno facesse la multa perché ha messo l’automobile in un certo modo e a un altro, che ha parcheggiato la macchina nello stesso modo e nella stessa ora, no. Vi pare una cosa normale?”

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.