Tommaso Napoli - 18 febbraio 2015


Processo ‘Ruby ter’: perquisite le case delle ragazze di Arcore

Processo 'Ruby ter': perquisite le case delle ragazze di Arcore

Nuove perquisizioni sono state ordinate nell’ambito del processo ‘Ruby ter’ che coinvolte l’ex Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Le abitazioni delle ragazze, ospitate ad Arcore nell’era delle cene denominate al tempo del primo processo ‘Bunga Bunga’, sono state passate al setaccio dagli inquirenti della procura di Milano, che vuole verificare se possano essere state pagate dell’ex premier per non dire la verità durante le udienze in Tribunale. E poco importa ai pm se vi siano stati pagamenti continuativi o una tantum a favore delle ragazze, l’importante per loro è trovarne traccia. Questa nuova inchiesta viene chiamata ‘Ruby ter’ e coinvolgerà almeno 45 persone per i seguenti reati: corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza. Da qui l’ordine dei Magistrati di perquisire le case di una ventina di girl, chiamate anche con il nome di ‘olgettine’ presenti nelle serate organizzate ad Arcore. Il nome ‘Ruby ter’ per la nuova inchiesta non arriva a caso, in quanto anche la residenza di Genova di Karima El Mahroug, nota ai tempi nell’ambiente come ‘Ruby Rubacuori’, è stata perquisita, insieme agli uffici del suo avvocato. Per chi non lo sapesse o non lo ricordasse, la giovane di origini marocchine Karima El Mahroug, è la ragazza da cui tutto lo scandalo del ‘Bunga Bunga’ è partito. Interrogato dagli inquirenti anche Giuseppe Spinelli, contabile di Silvio Berlusconi, in quanto delegato di tutti i pagamenti effettuati e quindi persona che potrebbe essere informata sui fatti, se realmente fatti vi siano. Durante tutte le perquisizioni ordinate dai pm, sono stati sequestrati materiali informatici e documenti cartacei.

L’ipotesi degli inquirenti è che il capo di Forza Italia, assolto nel luglio del 2014 in appello per il processo Ruby, abbia passato alle ragazze somme del totale di 2500 euro al mese. Il tutto è partito da beni immobili acquisiti da alcune ‘olgettine’, classificati come sospetti in quanto troppo costosi rispetto ai redditi dichiarati, e inoltre un tenore di vita sproporzionato. La chiusura del processo, fanno sapere i Magistrati, è prevista per inizio marzo a meno di rinvii o proroghe.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.