Filippo Mammì - 29 marzo 2015


Germanwings, ex ragazza di Lubitz: “Diceva, tutti sapranno chi sono”

Germanwings, ex ragazza di Lubitz: "Diceva, tutti sapranno chi sono"

Gradualmente, dalle indagini sulla tragedia dell’Airbus A320 della compagnia tedesca Germanwings, precipitato lo scorso martedì sulle Alpi francesi per mano del co-pilota Andreas Lubitz deciso a suicidarsi, emergono nuovi dettagli sulla vita privata di Lubitz, tutt’altro che rosea e “normale”, minata dalla depressione e da una follia strisciante tenuta nascosta a tutti troppo a lungo. Adesso a parlare è anche un’ex fidanzata del co-pilota, Maria S., 26 anni, che in un’intervista al quotidiano tedesco “Bild” ha raccontato e fornito dettagli sui grossi problemi mentali di Andreas: “Mi ripeteva spesso, un giorno farò qualcosa che cambierà l’intero sistema, tutti sapranno il mio nome e lo ricorderanno”. L’ex fidanzata di Lubitz di professione fa l’assistente di bordo alla Germanwings e al “Bild” ha confidato di essersi ricordata di questa frase delirante del suo ex fidanzato appena appresa la tragedia e saputo che la causa del disastro, che ha ucciso 150 persone, era la mente depressa di Lubitz. Secondo quanto riportato dal tabloid tedesco, Maria aveva intrapreso una relazione sentimentale di cinque mesi con Lubitz l’anno scorso, quando avevano volato insieme molto spesso sulle tratte europee: “Se Andreas ha fatto schiantare deliberatamente l’aereo, è perchè si era forse reso conto che, a causa dei suoi problemi di salute, il suo grande sogno di volare con la Lufthansa come pilota a lungo raggio si era dimostrato irrealizzabile” è l’opinione della ragazza, la quale ha anche precisato che la fine della loro relazione era stata determinata proprio dalle ossessioni e fisime di Lubitz: “mi era sempre più chiaro che Andreas aveva un problema”. Sono ancora al vaglio degli inquirenti i documenti sequestrati nelle due case di Lubitz, quella paterna di Montabaur e quell’altra di Dusseldorf, dove viveva solo.

Airbus A320 pezzi

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.