Tommaso Napoli - 20 marzo 2015


Mattarella alla CNN: “Isis pericolo molto grave, va affrontato subito”

Mattarella alla CNN: "Isis pericolo molto grave, va affrontato subito"

«L’Isis è un pericolo molto grave che va affrontato con urgenza perché il tempo è poco», sono queste le parole pronunciate dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, in una intervista esclusiva rilasciata alla CNN. «In realtà l’Isis – spiega il Presidente della Repubblica – si presenta, così come tutto il fondamentalismo islamico, come il nuovo vero nemico della civiltà, della democrazia e dei diritti umani. Non è un caso che a Tunisi siano stati aggredito il Parlamento e un museo, ovvero: la democrazia e la cultura». «In Libia lo Stato islamico si sta diffondendo e vi è il rischio che il paese si trasformi in una base per attività terroristiche contro l’Europa». «L’Italia è pronta a fare la sua parte in Libia ma occorre urgentemente che la comunità internazionale appoggi gli sforzi dell’Onu per un “cessate il fuoco” e successivamente per una missione che aiuti il governo a stabilizzarsi». «Il caos libico favorisce il traffico di esseri umani con enormi quantità di denaro che entrano nelle tasche dei trafficanti». «Il terrorismo fondamentalista ha colpito gli Stati Uniti l’11 settembre e in tante altre occasioni. Ha colpito molti paesi dell’Europa, sta devastando la Siria, colpisce in tante altre aree del pianeta. Non è un caso che a Tunisi sono stati aggrediti il Parlamento e un museo, cioè la democrazia e la cultura».

La nota del Capo dello Stato ai cittadini torinesi
Mattarella ha inoltre voluto far sentire il suo dolore ai cittadini di Torino, colpiti dall’attentato tunisino, e lo fa attraverso una nota dove si legge: «Cittadini di Torino, in queste ore di lutto e di angoscia desidero farvi pervenire, attraverso il vostro Sindaco Piero Fassino, tutta la mia solidarietà umana e politica per il vostro dolore. Un gesto di odio cieco e disumano ha provocato la morte assurda e brutale di vostri concittadini. I valori di convivenza civile, di democrazia, di tolleranza che da sempre animano la vostra città sono la migliore risposta a chi vuole minare la nostra storia, la nostra cultura e la nostra società libera, aperta, pluralista e accogliente». «Il nostro Paese – continua la nota – ha superato, negli ultimi decenni, delle prove terribili. Molte vittime sono cadute a causa dell’intolleranza, Torino è una città simbolo della lotta al terrorismo politico, sconfitto prima di tutto dall’unità del popolo attorno ai valori della nostra Costituzione». «In un momento in cui tutto il Paese si stringe intorno a voi – conclude il Presidente della Repubblica- vogliamo ribadire con forte e serena consapevolezza che la paura, l’oscurantismo, la sopraffazione non prevarranno mai». Infine il Presidente tiene a rinnovare tutta la sua vicinanza e «la partecipazione al vostro dolore».

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.