Filippo Mammì - 7 marzo 2015


Paura per l’attore Harrison Ford: si è schiantato con un aereo d’epoca

Paura per l'attore Harrison Ford: si è schiantato con un aereo d'epoca

Per fortuna non è grave, risultando parecchio coerente con i personaggi per cui è adorato dal pubblico di massa, Ian Solo di “Guerre Stellari” e Indiana Jones. Ma sono stati momenti di paura ieri per l’attore americano Harrison Ford, che, mentre stava pilotando nei cieli di Los Angeles un vecchio aeroplano mono – motore, risalente alla seconda guerra mondiale, ha perso improvvisamente il controllo del velivolo andandosi a schiantare in un campo da golf a Santa Monica. L’attore di “Blade Runner” è rimasto ferito, fortunatamente in modo non grave, ed è stato subito portato in ospedale; quando i soccorsi sono arrivati, l’attore era malconcio ma cosciente. Al momento, Ford, 72 anni, è ancora ricoverato in ospedale; è da sempre un appassionato di volo e un esperto pilota, possiede molti velivoli anche d’epoca, compreso appunto il Ryan Pt 22 che aveva deciso di far decollare ieri mattina. L’aeroplano è un modello anni 40 che veniva usato nell’esercito americano per gli addestramenti, e proprio l’esperienza dell’attore ha permesso di evitare il peggio. Secondo le prime ricostruzioni, Ford era decollato da pochi minuti dall’aeroporto di Santa Monica quando ha improvvisamente segnalato problemi al motore chiedendo di atterrare; l’atterraggio è stato molto brusco, con uno schianto infernale, ma per fortuna il velivolo non ha preso fuoco, tenendo anche conto che il campo da golf in cui è caduto è vicinissimo ad una zona abitata e molto trafficata. Ford, comunque, ha saputo mantenere i nervi saldi riuscendo a compiere una manovra pericolosa, ma necessaria per non cadere su qualche casa o sulle strade piene di automobili; ha solamente sfiorato alcuni alberi del campo, toccando poi terra con il velivolo di pancia, tant’è che il carrello, fisso, si è spezzato di netto. Adesso l’aeroplano è ancora riverso nel campo da golf, a disposizione degli inquirenti.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.