Filippo Mammì - 7 marzo 2015


Redditi ministri e parlamentari 2013: i più ricchi e i più “poveri”

Redditi ministri e parlamentari 2013: i più ricchi e i più "poveri"

Sul podio dei più ricchi ci sono il presidente del Senato Pietro Grasso e i ministri Pier Carlo Padoan e Francesca Guidi, mentre al fondo della classifica troviamo le più giovani esponenti di governo, Marianna Madia e Maria Elena Boschi. Più di 100.000 euro per Renzi e poco meno di 150mila per Beppe Grillo. Non stiamo “dando i numeri”, questa è semplicemente la lista dei redditi del 2013 (prima dell’entrata in carica del nuovo esecutivo) relativa agli atti delle dichiarazioni patrimoniali, resa disponibile oggi sui siti di Camera e Senato. Per esempio, il reddito dichiarato nel 2014 dall’attuale presidente del Consiglio per il 2013, quando era ancora sindaco di Firenze, è di circa 98.961 euro; per la prima volta, inoltre, è possibile sapere il reddito del leader del Movimento Cinque Stelle Beppe Grillo, che nel 2013 è risultato pari a 147.531 euro. Una volta decurtate le imposte, il reddito complessivo di Grillo risulta superiore di 90mila euro, con una quota mesile di 7.500 euro. Il ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, due anni fa risultava il più ricco tra coloro che poi sono entrati a far parte del governo Renzi, con più di 216mila euro di reddito; all’epoca, Padoan era vice segretario generale dell’Ocse. Stesse cifre per il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, mentre agli ultimi posti ci sono la Madia e la Boschi con, rispettivamente, 94.488 e 94.471 euro dichiarati. Tra i ministri attuali, il più ricco è il titolare dei Trasporti Maurizio Lupi con oltre 181.743 euro. Grande assente dalla classifica, ma solo perchè dichiarato decaduto, Silvio Berlusconi; e dire che, per l’anno 2012 quando era ancora senatore, aveva dichiarato oltre 4,5 milioni di reddito, cifra comunque inferiore rispetto ai 35 milioni dichiarati nel 2011. I singoli redditi sono consultabili on line sui siti www.senato.it e www.camera.it.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.