Filippo Mammì - 10 aprile 2015


Facebook si integra con Whatsapp: tutto sull’installazione

Facebook si integra con Whatsapp: tutto sull'installazione

E’ passato un anno da quando il creatore e promoter del social Facebook, Mark Zuckerberg, ha acquistato l’app di messaggistica istantanea Whatsapp per la “modica” somma di 20 miliardi di dollari; immediatamente, il mondo del web si era affrettato a chiedersi se Zuckerberg avesse in mente di integrare il social con l’app, ma lo stesso mogul si affrettò a sbollire gli animi troppo caldi, rilasciando anche dichiarazioni in cui sosteneva la completa distinzione tra i due mondi tecnologici. Adesso però, perchè evidentemente il Dio del web deve aver cambiato idea, è stato fatto il primo passo verso l’integrazione di Facebook con Whatsapp: installando la versione nuova del client di Facebook per Android (per ora roba unicamente dei bea tester) gli utenti possono inviare e condividere notizie lette su Fb con i contatti su Whatsapp. I programmatori di Palo Alto hanno infatti inserito il tasto “send”, specifico per questo tipo di azione. Dopo un primo periodo di prova, anche i consumatori di massa potranno accedere a questa funzione; la notizia è stata riportata da alcuni blog americani, con tanto di fotografie, ma per il momento dal quartier generale di Facebook nessuno ha voluto confermare. A ogni modo, la nuova funzione avrà una serie di conseguenze buone per aprire ulteriori discussioni; Facebook è un social che conta oltre un miliardo e mezzo di utenti nel mondo, mentre Whatsapp ne annovera settecento milioni.

Integrare due servizi che vantano numeri del genere sarà un’impresa non da poco, che potrebbe coinvolgere addirittura due miliardi di persone. Sicuramente, Whatsapp, grazie all’integrazione con Fb, avrà modo di consolidare velocemente il suo primato, e sembra quasi che il messaggio sia: vuoi Facebook? Allora devi avere anche Whatsapp. L’intenzione primaria, comunque, non è solo quella di allargare il numero di contatti degli utenti, ma anche quello di condividere dei contenuti tramite l’app di messaggistica, aprendola di conseguenza all’informazione.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.