Filippo Mammì - 21 aprile 2015


Grecia: barcone con a bordo 200 migranti naufraga davanti a Rodi

Grecia: barcone con a bordo 200 migranti naufraga davanti a Rodi

Fonti riconducibili ai media ellenici hanno riferito la notizia del naufragio di un barcone, con a bordo oltre 200 migranti, nelle acque antistanti la costa orientale di Rodi, in Grecia. Al momento, secondo un portavoce della guardia costiera, sarebbero stati recuperati tre corpi, mentre altre 80 persone sarebbero state tratte in salvo, e di queste 57 trasportate in un commissariato e le restanti 23 in ospedale per accertamenti. I cadaveri recuperati apparterrebbero ad un uomo, una donna e un bambino. Le informazioni sono al momento molto vaghe e si basano sui racconti di un gruppo di testimoni che si trovavano sulla spiaggia di Zephyros, davanti alla quale la barca ha iniziato ad imbarcare acqua dopo l’urto contro uno scoglio, che raccontano di 200 persone sul barcone che sono saltate immediatamente in mare senza neppure aspettare i soccorsi ed iniziando a nuotare verso la riva, sotto lo sguardo sbigottito di turisti e curiosi; secondo le autorità di Atene, il barcone era partito da qualche località delle coste della vicina Turchia, ma i trafficanti lo hanno abbandonato appena arrivati al largo dell’isola di Rodi. Nelle ultime settimane è notevolmente aumentato il numero di migranti che attraversano il mar Egeo per raggiungere la Grecia che, assieme a Italia e Spagna, è una delle principali porte d’ingresso verso l’Unione Europea. Secondo le stime, la Grecia, durante il primo trimestre 2015, ha accolto oltre 10.445 migranti senza documenti arrivati via mare, mentre, nello stesso periodo del 2014, erano giunte appena 2.863 persone. In vista dell’emergenza, il governo greco ha predisposto un piano organizzativo che prevede il trasferimento dei migranti giunti di recente dalle isole di approdo verso altre strutture presenti in tutta l’area nazionale, dato che che le isole dell’Egeo non possiedono ulteriori infrastrutture e si sono venute a creare situazioni di affollamento.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.