Tommaso Napoli - 24 ottobre 2015


Mattarella: «Non ci rassegniamo al lavoro che manca. Riconquistarlo è la priorità»

Secondo il capo dello Stato non bisogna rassegnarsi al lavoro che manca, «il lavoro da riconquistare è la priorità, a partire dal lavoro femminile e da quello per i giovani»

Mattarella: «Non ci rassegniamo al lavoro che manca. Riconquistarlo è la priorità»

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella durante la cerimonia di consegna delle insegne di Cavaliere dell’Ordine, ha parlato di lavoro, ripresa economica, ma anche di corruzione e legalità. «Non ci rassegniamo al lavoro che manca. Il lavoro da riconquistare è la priorità, a partire dal lavoro femminile e da quello per i giovani», ha detto il capo dello Stato. «Produrre ricchezza per il Paese significa saper produrre lavoro. Il lavoro è il fondamento della Repubblica. Lo è ancora come 70 anni fa, quando i costituenti scrissero l’articolo 1. Non è soltanto il primo dei precetti costituzionali. È elemento fondamentale che regge l’integrità della persona, l’uguaglianza nei diritti, il futuro di libertà dei nostri giovani. Certo, il lavoro è cambiato e cambierà ancora. Non dobbiamo avere paura della innovazione, anzi dobbiamo esserne artefici. Ma il lavoro resta il mastice di un corpo sociale, è il frutto, e insieme, il motore delle molteplici intelligenze, creatività e professionalità, che imprenditori e lavoratori, istituzioni e servizi, scuola e corpi intermedi, sono capaci di esprimere». «La ripresa rappresenta una sfida per tutte le istituzioni e per l’intera società, si continueranno a esprimere opinioni e interessi diversi, ma la società ha bisogno per la sua stessa coesione che tornino a crescere le eccellenze e che vengano colte le potenzialità dell’Italia». «La ripresa è una sfida per chi fa impresa: abbiamo bisogno di imprenditori che mettano in campo nuovi progetti, sappiano scrutare un orizzonte più ampio, sappiano investire». «Legalità e lotta alla corruzione sono condizioni irrinunciabili per la nuova crescita italiana». «Nel Paese «si sta aprendo una nuova stagione. Dobbiamo affrontarla con un di più di consapevolezza delle nostre risorse».

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.