Redazione - 10 luglio 2016


Angelus Papa Francesco: “Gesù ci dirà ‘ero io quel migrante che tanti volevano cacciare'”

Il Pontefice durante l’Angelus odierno ha tuonato che «alla fine saremo giudicati sulle opere di misericordia. Il Signore potrà dirci ‘Ma tu ti ricordi quella volta? Quei migranti che tanti vogliono cacciare via… ero io! Quegli anziani abbandonati nelle case di riposo… ti ricordi? Ero io. Quell’ammalato in ospedale che nessuno va a trovare, ero io!’»

Angelus Papa Francesco: "Gesù ci dirà 'ero io quel migrante che tanti volevano cacciare'"

Papa Francesco, durante l’Angelus odierno per il consueto appuntamento domenicale, davanti alla folla di fedeli accorsi in Piazza San Pietro, ha raccontato la parabola del ‘buon samaritano’: «Domandiamoci, ognuno di noi: la nostra fede è feconda? La nostra fede produce opere buone? Oppure è piuttosto sterile e quindi più morta che viva? Mi faccio prossimo o semplicemente passo accanto? Sono di quelli che selezionano la gente secondo il proprio piacere? E’ bene che ci facciamo queste domande spesso, perché alla fine saremo giudicati sulle opere di misericordia. Il Signore potrà dirci ‘Ma tu ti ricordi quella volta sulla strada da Gerusalemme a Gerico… quell’uomo mezzo morto ero io. Ti ricordi? Quel bambino affamato… ero io! Quei migranti che tanti vogliono cacciare via… ero io! Quegli anziani abbandonati nelle case di riposo… ti ricordi? Ero io. Quell’ammalato in ospedale che nessuno va a trovare, ero io!». «Gesù – spiega il Santo Padre – usa questa parabola nel dialogo con un dottore della legge, a proposito del duplice comandamento che permette di entrare nella vita eterna: amare Dio con tutto il cuore e il prossimo come se stessi. Sì ma chi è il mio prossimo ? Anche noi possiamo porci questa domanda: chi è il mio prossimo? Chi devo amare come me stesso? I miei parenti? I miei amici? I miei connazionali? Quelli della mia stessa religione?».

«Gesù risponde con questa parabola. Un uomo, lungo la strada da Gerusalemme a Gerico, è stato assalito dai briganti, malmenato e abbandonato. Per quella strada passano prima un sacerdote e poi un levita, i quali, pur vedendo l’uomo ferito, non si fermano e tirano dritto. Passa poi un samaritano, cioè un abitante della Samaria, come tale disprezzato dai giudei perché non osservante della vera religione; e invece proprio lui, quando vide quel povero sventurato, ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. E il giorno dopo lo affidò alle cure dell’albergatore, pagò per lui e disse che avrebbe pagato anche tutto il resto. A questo punto Gesù si rivolge al dottore della legge e gli chiede: ‘Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?’. E quello naturalmente risponde: ‘Chi ha avuto compassione di lui’».

«In questo modo Gesù ha ribaltato completamente la prospettiva iniziale del dottore della legge e anche nostra! Non devo catalogare gli altri per decidere chi è mio prossimo e chi non lo è. Dipende da me essere o non essere prossimo della persona che incontro e che ha bisogno di aiuto, anche se estranea o magari ostile. E Gesù conclude: ‘Va’ e anche tu fa’ così’. E lo ripete a ciascuno di noi: ‘Va’ e anche tu fa’ così’, fatti prossimo del fratello e della sorella che vedi in difficoltà. L’atteggiamento del buon samaritano è necessario per dare prova della nostra fede, la quale ‘se non è seguita dalle opere, in sé stessa è morta’, come ricorda l’apostolo Giacomo. Mediante le opere buone, che compiamo con amore e con gioia verso il prossimo, la nostra fede germoglia e porta frutto». «La nostra fede è feconda? Ci aiuti la Vergine Maria a camminare sulla via dell’amore generoso verso gli altri, la via del buon samaritano. Ci aiuti a vivere il comandamento principale che Cristo ci ha lasciato. E’ questa la strada per entrare nella vita eterna».

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.