Tommaso Napoli - 20 agosto 2016


Presidente Mattarella al Meeting di Rimini: “Vietando l’ingresso non si risolve l’immigrazione”

Il capo dello Stato al Meeting di Rimini: «Tante nuove diseguaglianze stanno emergendo. Spesso sono proprio i giovani a pagarne il prezzo più alto. Occorre ricominciare a costruire ponti e percorsi di coesione e sviluppo»

Presidente Mattarella al Meeting di Rimini: "Vietando l'ingresso non si risolve l'immigrazione"

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha aperto la nuova edizione del Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini parlando soprattutto ai ragazzi toccando anche il tema dell’immigrazione. «Ci vuole umanità verso chi è perseguitato, accoglienza per chi ha bisogno e, insieme, sicurezza di rispetto delle leggi da parti di chi arriva.Occorre severità massima nei confronti di chi si approfitta di essere umani in difficoltà, cooperazione con i Paesi di provenienza e di transito. Ci vuole intelligenza e visione per battere chi vuole la guerra». «L’attitudine dei giovani a diventare protagonisti della propria storia costituisce l’energia vitale di un Paese. Questa spinta vale più di qualunque indice economico o di borsa. La nostra società sta invecchiando e ci sono rischi oggettivi che le potenzialità dei giovani vengano compresse. Dobbiamo scongiurare questo pericolo che minaccia la nostra, come altre, società”. “Anche per questo in un tempo di cambiamenti epocali come il nostro è necessario prestare attenzione e dar spazio alla visione dei giovani. Senza farci vincere dalle paure. Dalle paure antiche e da quelle inedite. Attenti a non cadere nell’errore di ritenere nuove false soluzioni già vissute e fallite nel breve Novecento. Non ci difenderemo alzando muri verso l’esterno, o creando barriere divisorie al nostro interno».

Vietando l’ingresso non si risolve l’immigrazione
«Tante nuove diseguaglianze stanno emergendo. Spesso sono proprio i giovani a pagarne il prezzo più alto. Occorre ricominciare a costruire ponti e percorsi di coesione e sviluppo. Occorre rendersi conto che vi è un destino da condividere. Stiamo parlando di condivisione dei benefici e delle responsabilità; e anche delle difficoltà. Condivisione dei diritti e dei doveri. Della memoria del nostro popolo e del suo sguardo verso il futuro». «E’ illusorio pensare che la soluzione sia un cartello con su scritto ‘vietato l’ingresso’. Bisogna governare il fenomeno con serietà e senso di responsabilità anche se nessuno si augura che avvengano spostamenti migratori sempre più imponenti. Ma può succedere». «Senza Europa nessun paese può pensare di farcela. Ci può soccorrere, permettendo di governarlo in sicurezza, soltanto il principio che ci si realizza con gli altri. Che vuol dire far crescere possibilità di lavoro e di benessere nei Paesi in cui le persone hanno poco o nulla, perché, in concreto, il loro benessere coincide pienamente con il nostro benessere».

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.