WhatsApp+bloccato+da+un+giudice+in+Brasile%2C+ecco+le+motivazioni
cataniaverait
/2015/03/whatsapp-bloccato-da-un-giudice-in-brasile-ecco-le-motivazioni/amp/

WhatsApp bloccato da un giudice in Brasile, ecco le motivazioni

Published by
Filippo Mammì

Scalpore in Brasile: un giudice ha ordinato la sospensione dell’app di messaggistica istantanea WhatsApp su tutto il territorio nazionale “fino al compimento – si legge nell’istanza – dell’ordinanza giudiziaria”. La motivazione non è ancora completamente nota a causa del segreto istruttorio, ma, ha rivelato la segreteria di pubblica sicurezza dello Stato di Piauì, nel nordest del Brasile, pare che sia stata presa dopo che la dirigenza dell’applicazione si è rifiutata di rimuovere alcune foto di bambine e minorenni riprese in esibizioni sessuali, al centro di un’indagine partita nel 2013 e condotta dalla procura dei minori di Teresina, la capitale di Piauì. Il servizio è comunque ancora in funzione su tutto il Brasile perchè gli operatori di telefonia mobile hanno presentato ricorso contro la decisione del giudice Luiz Moura Correia: “Non sappiamo quando nè per quanto tempo l’applicazione smetterà di funzionare” ha riferito il commissario generale della polizia di Piauì durante una conferenza stampa; secondo il giornale “Folha de Sao Paulo”, l’ordine verrà revocato quando WhatsApp fornirà le informazioni richieste dagli inquirenti. Facebook, in quanto proprietario di WhatsApp, ha affermato, tramite una nota, che le operazioni delle due compagnie sono indipendenti e che quindi non ha intenzione di prendere una posizione sulla vicenda. Secondo Sindi TeleBrasil, il sindacato che riunisce gli operatori di telefonia mobile di tutto il Paese sudamericano, la decisione del giudice è sproporzionata “perchè per ottenere informazioni su un numero esiguo di persone, negate dai proprietari di WhatsApp, si vuole interrompere il servizio in tutto il Brasile. E per questo motivo – ha proseguito – si chiede l’applicazione della misura agli operatori di telefonia che non hanno alcuna relazione con quel servizio”.

Filippo Mammì

Sono giornalista professionista da due anni, ho 35 anni e sono di Reggio Calabria. Dopo un diploma in maturità classica e una laurea presso il DAMS dell'Unical (Università della Calabria) ho passato quasi dieci anni della mia vita a Roma, lavorando prima nel mondo del cinema (mansioni varie, niente di che!); in seguito, mi sono avvicinato al giornalismo (mia seconda passione dopo il cinema) frequentando il master di primo livello di Giornalismo presso la Lumsa, abilitativo all'esame da professionista presso l'ODG. Possiedo un blog su un sito locale e collaboro, oltre che con Cataniavera.it e Newspage.it, anche con Litalianews.it

Recent Posts

Dormi con un sonnambulo? Ecco cosa fare per non metterlo in pericolo ed aiutarlo

Cosa fare se scopri che dormi assieme ad una persona che soffre di sonnambulismo? Ecco…

6 mesi ago

Poco tempo e zero idee per cena? Questa ricetta è pronta in pochi minuti ed è anche light

Scopri una ricetta pronta in pochi minuti, semplice, leggera e deliziosa. Se ti manca il…

6 mesi ago

Carlo Conti, lo sgambetto inaspettato del collega: la sua reazione è epica

Carlo Conti ha rivelato un dettaglio inedito sulla propria carriera ed ha ammesso di aver…

6 mesi ago

Paolo Villaggio, dopo la sua morte spunta la clamorosa verità: ecco di cosa soffriva l’attore

Un attore che ha fatto la storia della commedia italiana e non solo: ora, dopo…

6 mesi ago

Risparmiare tanti soldi divertendosi: questa nuova idea fa innamorare tutti

Volete risparmiare davvero tanti soldi divertendovi? Ecco la nuova idea che farà innamorare davvero tutti:…

6 mesi ago

Se noti questo piccolo insetto in casa, non sottovalutarlo: la salute è in pericolo

In tutte le case può capitare che siano presenti insetti, ma la presenza di un…

6 mesi ago