Yemen%3A+attentato+in+due+moschee%2C+137+morti%2C+Isis+rivendica+attacco
cataniaverait
/2015/03/yemen-attentato-in-due-moschee-137-morti-isis-rivendica-attacco/amp/
Categories: MondoPrima Pagina

Yemen: attentato in due moschee, 137 morti, Isis rivendica attacco

Published by
Filippo Mammì

Un doppio attentato kamikaze si è consumato ieri in due diverse moschee a Sana’a, capitale dello Yemen, durante il venerdì di preghiera; il bilancio, al momento, è di 137 morti e 345 feriti. Le due moschee sono frequentate dai ribelli Houthi, il movimento sciita che da settembre occupa la capitale yemenita. L’Isis ha rivendicato l’attacco tramite Twitter, ma la Casa Bianca si è affrettata a chiarire, ipotizzando che possa trattarsi solamente di propaganda. Ci sono notizie anche di scontri avvenuti nella città di Aden, dove è stata spostata la residenza del presidente. Ban Ki Moon, segretario generale dell’Onu, ha condannato fermamente gli attacchi e ha fatto appello alla moderazione; gli attacchi e i combattimenti ad Aden mirano chiaramente “a far deragliare il processo di transizione del Paese” come ha dichiarato la rappresentante della Politica Estera all’Ue, Federica Mogherini. Nuovi raid aerei si sono abbattutti per tutto il pomeriggio di ieri ad Aden, nel sud dello Yemen, la città dove da almeno un mese risiede il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi; due giorni fa, alcuni caccia partiti da Sana’a avevano già cercato di colpire il complesso presidenziale, ma sarebbero stati respinti dalla contraerea delle forze fedeli a Hadi. Una conferma dei raid su Aden è arrivata dal giornalista yemenita Farea al Muslimi, che due anni fa era stato chiamato a riferire davanti alla commissione giustizia del Senato degli Stati Uniti per aver postato un video del suo villaggio colpito da droni americani. La conferma è stata fatta da Muslimi tramite un post su Twitter. Negli attentati di ieri hanno colpito almeno quattro terroristi kamikaze: due ciascuno all’interno delle due moschee, mentre gli altri due sono saltati in aria con un’autobomba. Un quinto attentatore aveva cercato di entrare in azione a Saadah, un’altra roccaforte sciita nel nord del Paese, ma è stato ucciso dalle forze di sicurezza prima di farsi esplodere.

Filippo Mammì

Sono giornalista professionista da due anni, ho 35 anni e sono di Reggio Calabria. Dopo un diploma in maturità classica e una laurea presso il DAMS dell'Unical (Università della Calabria) ho passato quasi dieci anni della mia vita a Roma, lavorando prima nel mondo del cinema (mansioni varie, niente di che!); in seguito, mi sono avvicinato al giornalismo (mia seconda passione dopo il cinema) frequentando il master di primo livello di Giornalismo presso la Lumsa, abilitativo all'esame da professionista presso l'ODG. Possiedo un blog su un sito locale e collaboro, oltre che con Cataniavera.it e Newspage.it, anche con Litalianews.it

Recent Posts

Dormi con un sonnambulo? Ecco cosa fare per non metterlo in pericolo ed aiutarlo

Cosa fare se scopri che dormi assieme ad una persona che soffre di sonnambulismo? Ecco…

5 mesi ago

Poco tempo e zero idee per cena? Questa ricetta è pronta in pochi minuti ed è anche light

Scopri una ricetta pronta in pochi minuti, semplice, leggera e deliziosa. Se ti manca il…

5 mesi ago

Carlo Conti, lo sgambetto inaspettato del collega: la sua reazione è epica

Carlo Conti ha rivelato un dettaglio inedito sulla propria carriera ed ha ammesso di aver…

5 mesi ago

Paolo Villaggio, dopo la sua morte spunta la clamorosa verità: ecco di cosa soffriva l’attore

Un attore che ha fatto la storia della commedia italiana e non solo: ora, dopo…

5 mesi ago

Risparmiare tanti soldi divertendosi: questa nuova idea fa innamorare tutti

Volete risparmiare davvero tanti soldi divertendovi? Ecco la nuova idea che farà innamorare davvero tutti:…

5 mesi ago

Se noti questo piccolo insetto in casa, non sottovalutarlo: la salute è in pericolo

In tutte le case può capitare che siano presenti insetti, ma la presenza di un…

5 mesi ago