Terrorismo+a+Savona%3A+arrestati+due+marocchini%2C+immagini+di+guerra+su+smartphone
cataniaverait
/2016/07/terrorismo-a-savona-arrestati-due-marocchini-immagini-di-guerra-su-smartphone/amp/

Terrorismo a Savona: arrestati due marocchini, immagini di guerra su smartphone

Published by
Filippo Mammì

Due marocchini sono stati arrestati, e un terzo denunciato, in provincia di Savona: sono accusati di terrorismo e attività di proselitismo per lo Stato Islamico. Sui loro smartphone sono state trovate immagini di guerra e violenze riconducibili ai militanti di Daesh

Due marocchini sono stati arrestati dalla polizia in provincia di Savona, mentre un terzo è stato denunciato: i tre, di età compresa tra i 27 e i 44 anni, sono accusati di aver svolto attività con finalità di terrorismo. Sono residenti in Italia da anni ed hanno precedenti per spaccio di droga, lesioni personali e falsificazione. Le indagini sono dirette dalla Procura Distrettuale Antiterrorismo di Genova ed erano partite a seguito di una segnalazione, fatta da una ragazza savonese alla polizia postale. La giovane aveva ricevuto sul suo account Whatsapp un messaggio da un numero di cellulare non memorizzato sulla sua rubrica e proveniente dal Marocco; la ragazza si era rivolta agli agenti dopo aver notato che l’immagine del profilo del contatto raffigurava una donna con il mitra puntato in posizione di tiro.

L’attività di proselitismo
La polizia postale, con l’aiuto della ragazza, è riuscita a ricostruire i passaggi che hanno portato all’arresto dei due nordafricani: tre mesi fa, la giovane stava transitando nei pressi di una struttura che ospitava alcuni profughi provenienti dall’Africa ed era stata avvicinata da un marocchino residente proprio in quella struttura, il quale le aveva chiesto un attimo in prestito il suo cellulare perchè, a suo dire, aveva la necessità di contattare alcuni conoscenti nel proprio Paese d’origine. Successivamente, le indagini della polizia hanno portato alla scoperta di una fitta rete di contatti dai quali è emerso il sospetto provato che i tre marocchini svolgessero attività di proselitismo a favore dell’Isis. L’attività investigativa, compiuta tramite intercettazioni telefoniche e telematiche, ha permesso di constatare che i tre creavano falsi profili Facebook utilizzando numeri di cellulare intestati ad altre persone.

Filippo Mammì

Sono giornalista professionista da due anni, ho 35 anni e sono di Reggio Calabria. Dopo un diploma in maturità classica e una laurea presso il DAMS dell'Unical (Università della Calabria) ho passato quasi dieci anni della mia vita a Roma, lavorando prima nel mondo del cinema (mansioni varie, niente di che!); in seguito, mi sono avvicinato al giornalismo (mia seconda passione dopo il cinema) frequentando il master di primo livello di Giornalismo presso la Lumsa, abilitativo all'esame da professionista presso l'ODG. Possiedo un blog su un sito locale e collaboro, oltre che con Cataniavera.it e Newspage.it, anche con Litalianews.it

Recent Posts

Dormi con un sonnambulo? Ecco cosa fare per non metterlo in pericolo ed aiutarlo

Cosa fare se scopri che dormi assieme ad una persona che soffre di sonnambulismo? Ecco…

4 settimane ago

Poco tempo e zero idee per cena? Questa ricetta è pronta in pochi minuti ed è anche light

Scopri una ricetta pronta in pochi minuti, semplice, leggera e deliziosa. Se ti manca il…

4 settimane ago

Carlo Conti, lo sgambetto inaspettato del collega: la sua reazione è epica

Carlo Conti ha rivelato un dettaglio inedito sulla propria carriera ed ha ammesso di aver…

4 settimane ago

Paolo Villaggio, dopo la sua morte spunta la clamorosa verità: ecco di cosa soffriva l’attore

Un attore che ha fatto la storia della commedia italiana e non solo: ora, dopo…

4 settimane ago

Risparmiare tanti soldi divertendosi: questa nuova idea fa innamorare tutti

Volete risparmiare davvero tanti soldi divertendovi? Ecco la nuova idea che farà innamorare davvero tutti:…

4 settimane ago

Se noti questo piccolo insetto in casa, non sottovalutarlo: la salute è in pericolo

In tutte le case può capitare che siano presenti insetti, ma la presenza di un…

4 settimane ago