Redazione - 29 maggio 2013


Amici 2013 Serale: verso la finale del 1 giugno [puntata 29 maggio con Sabrina Ferilli]

Amici 2013 Serale: verso la finale del 1 giugno [puntata 29 maggio con Sabrina Ferilli]

Amici 2013 Serale: verso la finale del 1 giugno [puntata 29 maggio con Sabrina Ferilli]

La dodicesima edizione del fortunato talent show condotto da Maria De Filippi, in cui i giovani dotati di talento si sfidano nelle discipline artistiche del canto e del ballo, sta per concludersi con la finale di sabato 1 giugno 2013. Intanto continuano le ultime puntate pomeridiane. Nella puntata di oggi 29 maggio uno dei giudice del serale, Sabrina Ferilli ha incontrato i quattro finalisti per decidere chi di loro dovrà esibirsi per primo in finale. Il primo allievo chiamato dalla Ferilli è Nicolò Noto, già vincitore della categoria Ballo e in corsa per vincere Amici 12. Il ballerino, tanto amato dall’attrice, si è esibito con la maglia rossa. Tocca a Verdiana Zangaro adesso. La cantante calabrese si esibirà con la maglia blu. Sabrina Ferilli le fa qualche domanda poi le chiede di ricantare “Adagio” di Lara Fabian. La giurata si commuove. Viene chiamata anche Greta Manuzi (maglia nera). La Ferilli chiede a Greta e Verdiana di esibirsi in una comparata. Le due finaliste dovranno cantare “Poster” di Claudio Baglioni. Infine tocca a Moreno Donadoni (maglia bianca) esibirsi davanti alla giurata. Sabrina Ferilli vuole ascoltare dal rapper un free style.

Sabrina Ferilli dopo l’esibizione dei ragazzi si è così espressa
“Moreno è la sorpresa di quest’anno, credo che sia la presenza più nuova e più energica, la più trascinante di questa edizione di Amici. Greta è partita in sordina perché aveva questa voce molto potente. Nelle ultime puntate ci sono stati dei momenti che io ho subito un grande fascino nella sua interpretazione. Verdiana è molto brava, ha una voce potente, anche tecnicamente forse la più preparata. Nicolò mi ha stupito perché quando si parla di danza classica si pensa alle tante ore di studio che ci sono per cui l’idea che questo ragazzino così giovane abbia scelto una disciplina così difficile e ci abbia dedicato attenzione e fatica per me è straordinario”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.