Tommaso Napoli - 29 maggio 2013


Beppe Grillo sulle comunali: “Nessun trionfo a febbraio, nessun tonfo a maggio”

Beppe Grillo sulle comunali: "Nessun trionfo a febbraio, nessun tonfo a maggio"

Beppe Grillo sulle comunali: “Nessun trionfo a febbraio, nessun tonfo a maggio”

Un nuovo intervento del cofondatore del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo. Questa volta l’ex comico pubblica un post per dire la sua sul presunto flop alle comunali. L’intervento, pubblicato il 29 Maggio 2013 alle 12:50, ha raggiunto in poche ore 1.784 commenti e 2.400 “Mi piace” su Facebook. Di seguito il post integrale di Beppe Grillo.

“Dopo le elezioni politiche e l’affermazione del M5S, Casaleggio disse che per lui “Era un giorno come un altro”. Valeva anche per me. Nel senso che era la tappa di un percorso. Non abbiamo fretta. Anche ieri, dopo le comunali è stato un giorno come un altro. Nessun trionfo a febbraio, nessun tonfo a maggio. L’obiettivo del M5S è di cambiare il Sistema, le regole del gioco, di introdurre nella Costituzione strumenti di democrazia diretta, oggi totalmente assenti o disattesi. E, come ovvio, di andare al Governo, ma senza questi partiti che hanno distrutto l’Italia e che oltre a essere la malattia si propongono come cura. Non abbiamo fretta. Il cosiddetto risultato disastroso di ieri consentirà a circa 400 consiglieri del M5S di entrare nelle municipalità, di fare proposte, operare da sentinella per i cittadini. E’ tanto? E’ poco? E’ comunque un risultato che consente al M5S di raddoppiare la sua presenza nei Comuni”. “Dopo le elezioni politiche la stampa e le televisioni si sono scatenate contro il M5S come se fosse l’anticristo con una rabbia, un odio, un disprezzo che non ha riscontro nella Storia d’Italia. L’informazione è l’ultima barriera che protegge processi, corrotti, status quo. E’ l’arma letale nelle mani dei partiti. Si dice che Bottino Craxi, prima di involarsi, suggerì al suo sodale Berlusconi “Hai dei cannoni a tua disposizione, le reti televisive, usali”. La fogna che è ora la RAI, che perde 200 milioni di euro all’anno, nonostante canone e pubblicità, con una pletora infinita di dipendenti e “esterni” va riformata al più presto, tolta dal controllo dei partiti. Più che andare in televisione, bisogna cambiare la televisione. E’ un obiettivo del M5S. Una sola rete nazionale, multimediale, senza pubblicità svincolata dalla politica. Non abbiamo fretta. A via Mazzini, i nominati dai partiti, comincino a preparare gli scatoloni, con calma. Ogni tanto è bene ribadire che il MoVimento non è un partito, non fa alleanze con i partiti, né inciuci. Questo vale per i prossimi ballottaggi dove non appoggeremo la destra e tanto meno la sinistra, tra loro non c’è alcuna differenza, forse la destra ti prende un po’ meno per il culo. Scrissi che chi voleva l’accordo con il pdmenoelle aveva sbagliato a votarci. Lo confermo e estendo il concetto. Chi si è candidato per il M5S al Parlamento e vuole un accordo con il pdmenoelle scordandosi degli impegni elettorali e della sua funzione di portavoce per realizzare il nostro programma, è pregato di avviarsi alla porta. E’ meglio buttarsi nel vuoto da soli che essere spinti. C’è più controllo. Il M5S cresce ogni giorno, è un fatto, così come è un fatto che è stato il più votato alle politiche. Non abbiamo fretta”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.