Tommaso Napoli - 29 giugno 2013


Gabriele Muccino risponde al fratello Silvio, la guerra dei Muccino continua…

Gabriele Muccino risponde al fratello Silvio, la guerra dei Muccino continua...

Gabriele Muccino risponde al fratello Silvio, la guerra dei Muccino continua…

Pronta la risposta del regista Gabriele Muccino che per replicare agli attacchi del fratello Silvio, sceglie il social network twitter. L’ultima parola di un conflitto che va avanti da ormai otto lunghissimi anni. “Non replicherò alle infamità deliranti nei confronti dei nostri anziani genitori – scrive in un tweet il regista che ha trovato fortuna negli USA – rilasciate ad agenzia stampa da parte di mio fratello. Pena”. Per riepilogare la situazione di seguito l’attacco dell’attore e regista Silvio Muccino: “Dopo 5 anni di assoluto silenzio stanco e disgustato dalle sempre più gravi dichiarazioni pubbliche di mio fratello che riguardano la mia vita, sono costretto a parlare del mio privato sperando che questo metta fine al suo delirante soliloquio che da anni intasa siti internet e giornali. A spingermi sono le parole, basse e infamanti, secondo le quali sarei stato ‘plagiato’ e ‘sequestrato’: io, un uomo di 31 anni, e da chi? da Carla Vangelista, un’amica, una scrittrice più che stimata, che collabora con me da anni, ingiustamente offesa dalle deliranti accuse di Gabriele. Non riesco a leggere niente di costruttivo nel cuore di quelle dichiarazioni. Non vedo l’artista, che mai mi sarei aspettato cadere così in basso al punto da trascinarmi per anni nel fango del pettegolezzo più bieco, e non vedo neppure il fratello perché Gabriele conosce benissimo i motivi del mio allontanamento, e sa che riguardano gravi episodi vissuti nella mia infanzia all’interno del nucleo familiare. Episodi di cui non parlo per decoro e per non nuocere alla mia famiglia. Gabriele sa. E se la memoria lo tradisce può sempre rileggere tutte le mail che gli ho inviato. Pochi anni fa fu proprio lui a tagliare i ponti con la mia famiglia, per costruirsi una vita serena con la moglie di allora. Fu proprio lui a dirmi che sarei dovuto scappare da quella famiglia. Ora sembra aver dimenticato. O forse preferisce non ricordare, perché quando il suo matrimonio naufragò, rinnegò tutto quello che aveva detto fino a quel momento a me e ai miei genitori e mi comunicò che era stato plagiato dalla ex moglie”. “Non sono più disposto – conclude il regista/attore di ‘Un altro mondo’ – a sopportare questo ridicolo teatrino fatto di sentimenti esibiti e di uno sbandierato amore fraterno nel quale non scorgo alcuna traccia di rispetto per me e le mie scelte, che siccome non condivise, si dichiarano frutto di plagio. Sarò pronto ad ostacolare ogni iniziativa di Gabriele che possa nuocere a me ed alle persone che mi sono vicine e forse, così facendo, lo aiuterò anche a salvarsi dallo spirito autodistruttivo che sembra ormai possederlo”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.