Tommaso Napoli - 20 settembre 2013


Beppe Grillo, intervento del 20 settembre 2013: “Le pennichelle della Corte Costituzionale”

Beppe Grillo, intervento del 20 settembre 2013: "Le pennichelle della Corte Costituzionale"

Beppe Grillo, intervento del 20 settembre 2013: “Le pennichelle della Corte Costituzionale”

Nuovo intervento pubblicato da Beppe Grillo sul suo blog beppegrillo.it. Più di duecentocinquanta commenti in poche ore. Il dibatti questa volta riguarda la Corte Costituzionale. Di seguito vi riportiamo il post integrale. Buona lettura. “Anche un bambino sa che il Porcellum è incostituzionale – scrive il leader del Movimento 5 Stelle – la Corte Costituzionale non lo ha capito subito, ha avuto bisogno di tempo. Sono passati sette anni e il presidente neo eletto Gaetano Silvestri ha espresso stupito “perplessità”: “Ci sono aspetti problematici rispetto al premio di maggioranza”. Che siano i segretari di partito a nominare i parlamentari non scandalizza nessuno? La Corte Costituzionale non ha mosso un dito, ma ha agito invece con la velocità di un lampo per impedire l’abolizione dello spreco delle Province e l’abolizione dei privilegi delle pensioni d’oro. E il lodo Alfano in vigore dall’agosto 2008 al 7 ottobre 2009? TREDICI MESI! La legge “Disposizioni in materia di sospensione del processo penale nei confronti delle alte cariche dello Stato” è stata dichiarata incostituzionale dalla Corte Costituzionale dopo più di un anno per violazione degli articoli 3 e 138 della Costituzione. Cosa facevano i giudici? Una pennichella istituzionale motivata dalla loro età? Il lodo Alfano che rendeva alcuni cittadini più uguali degli altri come i maiali di Orwell nella Fattoria degli animali doveva essere cassata in cinque minuti. I giudici della Corte (a parte il nuovo nominato Amato, il tesoriere di Bottino Craxi) chi sono? Ne avete mai sentito parlare? Percepiscono 427.416,99 euro all’anno, più di 35.000 al mese. Per fare cosa? I cittadini devono sapere”. “La Corte è formata da 15 persone in prevalenza nate negli anni ’30. Cinque elette dal Parlamento, in sostanza dai partiti, cinque elette dal presidente della Repubblica di turno, quindi da una diretta emanazione dei partiti, e cinque dalla magistratura. Si può dire quindi che la Corte è un organo politico e non di garanzia. La Costituzione è scritta in modo chiaro, un documento comprensibile a tutti i cittadini, un ragazzo delle medie inferiori la saprebbe interpretare senza alcun problema. Ha solo 139 articoli. Una giuria popolare sarebbe più efficiente e più puntuale della Corte Costituzionale. Bisogna pensarci”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.