Redazione - 20 novembre 2013


Primarie Pd, voto dei circoli: vince Matteo Renzi con il 46,7% delle preferenze

Primarie Pd, voto dei circoli: vince Matteo Renzi con il 46,7% delle preferenze

Primarie Pd, voto dei circoli: vince Matteo Renzi con il 46,7% delle preferenze

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi ha ottenuto il 46,7% delle preferenze nel voto dei circoli del Pd in vista delle prossime Primarie dell’8 dicembre 2013. Segue Gianni Cuperlo con il 38,4%, Pippo Civati con il 9,19% e Gianni Pittella con il 6%. “E con ieri – dichiara Renzi – abbiamo chiuso la fase due del congresso, la selezione dei candidati dentro i circoli. Grazie! Essere nettamente in testa anche tra gli iscritti è un risultato che in molti non si aspettavano: bene così, avanti tutta fino alle primarie aperte e libere dell’8 dicembre. Chi vuole ci dà una mano, creando un comitato, condividendo un’idea o dando un aiuto economico sul www.matteorenzi.it”. “Questa – ha dichiarato ancora il sindaco di Firenze – è una conta interna fra gli iscritti e sono molto felice che sia andata bene, ma la conta vera è quella dei cittadini, quella dell’8 dicembre, a cui potranno votare tutti a differenza di quanto successo l’anno scorso, con i respingimenti al seggio e le richieste di certificati”. Il secondo più votato, Gianni Cuperlo, crede che i giochi siano ancora aperti: “le primarie sono state dipinte come un plebiscito, come una strada asfaltata per Renzi, e invece “il 40% o giù di lì” ha scelto un’impostazione diversa. Sono convinto che questa partita è oggi aperta. Quando il sindaco parla di una sinistra distrutta non riflette la realtà e da questa corsa congressuale esce l’indicazione di una sinistra viva e vitale”. “E’ inutile che faccia giamburrasca – ha commentato Massimo D’Alema riferendosi a Renzi – è l’uomo dell’establishment”. Matteo Renzi non ho voluto però replicare dichiarando: “Non intendo minimamente alimentare questa polemica con D’Alema, alle sue affettuosità non rispondo. Mi preoccupo delle questioni concrete”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.