Filippo Mammì - 26 luglio 2014


Auguroni Sandra, la Bullock spegne 50 candeline

Auguroni Sandra, la Bullock spegne 50 candeline

Auguroni Sandra, la Bullock spegne 50 candeline

Compiere 50 anni ed essere sempre uno splendore. Capita ovviamente a tantissime donne in mezzo a noi mortali, ma capita più spesso nel magico del cinema e di Hollywood, in particolare. Oggi una delle tantissime ex fidanzatine d’America, Sandra Bullock, ha raggiunto il sospirato traguardo  dei cinquant’anni. E non sentirli. Perchè Sandra Annette Bullock (così per l’anagrafe), nata ad Arlington (Virginia) il 26 luglio 1964, è ancora più bella e sulla cresta dell’onda che mai. Dopo lo stratosferico successo di Gravity di Alfonso Cuaròn (2013) in cui è protagonista con George Clooney e che le è valso una seconda nomination all’Oscar, l’attrice americana sta attraversando la seconda parte della sua carriera sempre più raggiante e con maggiore ottimismo rispetto al passato. Quest’anno è stata abbondantemente celebrata con ben quattro premi vinti su cinque candidature al People’s Choice Award, una famosa rassegna cinematografica americana a suffragio popolare, sia per la sua interpretazione di Gravity che per quella contemporanea di Corpi da reato, venendo nuovamente riconfermata dal pubblico americano come una delle attrici statunitensi più amate.

Di strada Sandra ne ha fatta molta: pur lavorando nel cinema già dalla fine degli anni Ottanta, per lo più nei panni della bonazza o della ragazza impacciata, ha finalmente avuto la consacrazione con il blockbuster Speed di Jan De Bont (1994), film che l’ha imposta all’attenzione del grande pubblico, per poi continuare in discesa con Un amore tutto suo (1995) di Jon Turtteltaub, via via fino a diventare l’attrice più pagata di Hollywood nel biennio 2010 – 2011. A parte qualche passo falso ed anche una pausa di riflessione negli anni 2000, Sandra ha comunque ottenuto grandi soddisfazioni: la rivista Forbes l’ha nominata “attrice più ricca di Hollywood”, l’Academy le ha assegnato un Oscar nel 2010 per la sua interpretazione in The blind side e poi c’è stato il suddetto Gravity. “Il mio obiettivo è ricordare adesso ogni posto in cui sono stata, fare solo quello che amo fare e non dire più “sì” quando invece volevo dire “no” “. Questa è la sua massima che sancisce la maturità acquisita con i 50 anni. Auguri!

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.