Filippo Mammì - 6 dicembre 2014


“Ma tu di che segno sei?”, Boldi: “Finalmente torno al cinepanettone”

"Ma tu di che segno sei?", Boldi: "Finalmente torno al cinepanettone"

Il prossimo 11 dicembre, il film “Ma tu di che segno sei?” di Neri Parenti uscirà nelle sale di tutta Italia e Massimo Boldi, che recita tra i protagonisti, non sta in sè dalla gioia: “Da 9 anni che aspettavo di rifare un cinepanettone – ha dichiarato il comico a “Mattino Cinque” – tornare a lavorare con Parenti è stato come tornare a casa. Con lui si può improvvisare, mentre De Laurentiis è sempre stato l’unico che non riuscivo mai a convincere, mi diceva che alcune cose mie non funzionavano, però poi la gente  rideva nei cinema “. Infatti, per la prima volta quest’anno il cinepanettone non è stato prodotto dalla Filmauro di De Laurentiis. Anche Neri Parenti ha dichiarato di essere felice di questo ritorno al passato, dopo che “negli ultimi due film da me diretti, De Laurentiis aveva inserito situazioni da commediole come se ne fanno tante. “Ma tu di che segno sei?” guarda ai cinepanettoni del passato, un film con tanti attori che vuole essere comico e nient’altro”. Parenti ha raccontato che il desiderio di fare questo film è nato dopo il suo licenziamento da parte di De Laurentiis, decidendo così di tornare a fare il cinepanettone classico, senza viaggi esclusivi in Egitto, Miami o New York: “Abbiamo scoperto che, su Google, le parole più cliccate per una ricerca sono il meteo, il Papa e l’oroscopo. E allora abbiamo pensato: perchè non fare un film su quest’ultimo?”. E, come nelle classiche commedie ad incastro, il meccanismo parte dalla mania degli italiani per i segni zodiacali: dal maggiore dei carabinieri (Salemme) gelosissimo della figlia (Tantucci) all’ipocondriaco, passando per la ragazza (Rodriguez) talmente ossessionata dall’oroscopo da spingere un corteggiatore (Amedeo) a ricorrere ad un astrologo (Pio), fino all’avvocato scettico (Proietti) e all’antennista (Memphis) perseguitato da una bellona.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.