Tommaso Napoli - 1 dicembre 2014


“Ogni maledetto Natale”, intervista Mastronardi-Cattelan (e trailer)

"Ogni maledetto Natale", intervista Mastronardi-Cattelan (e trailer)

Massimo e Giulia si sono innamorati, c’è solo un “piccolissimo” problema: le famiglie! Il tutto inizia da una domanda che quando si sta insieme prima o poi arriva: “Che fai per Natale?” Così la bella Giulia invita dai sui il fidanzato Massimo per passare il Natale insieme. “Ogni maledetto Natale” è la nuova tragi-commedia natalizia con un cast d’eccezione che interpreta doppi personaggi. Firmata dai registi di Boris – Il film, Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo, si attinge a diventare un successo pre-natalizio. Nei panni dei due protagonisti troviamo Alessandro Cattelan e Alessandra Mastronardi. Le due famiglie, una barbara e l’altra altolocata, saranno interpretate da un cast stellare con Francesco Pannofino, Laura Morante, Corrado Guzzanti, Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Andrea Sartoretti e Caterina Guzzanti. Il film è disponibile in tutte le sale cinematografiche italiane dal 27 novembre. Per l’occasione Sky Cinema ha messo a confronto in Duets i due protagonisti.

Alessandro Cattelan aveva giurato che non avrebbe mai fatto l’attore
“Avevo detto che fare l’attore non era il mio mestiere e ne sono ancora convinto” dice scherzando il presentatore di X Factor “e invece ho deciso inspiegabilmente di recitare”. “Quando sono stato chiamato dai registi di Boris mi sono detto che se proprio una volta dovevo farlo allora lo faccio con loro visto anche che sono un loro fan. Un altro film con lo stesso cast lo rifarei anche domani, con altri non lo so”.

Alessandra Mastronardi
“Andate a vedere il 27 al cinema Ogni maledetto Natale perché è un bellissimo film”. “In quale set ho imparato di più? Credo che Romanzo Criminale sia una delle produzioni più riuscite degli ultimi tempi. Woody Allen è un genio, ti da tantissime indicazioni quando lavori e pensi anche di stargli antipatica anche perché si dice che lui licenzi attori durante il set, ma quando ti da un’indicazione cambia completamente il senso della scena”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.