Filippo Mammì - 13 febbraio 2015


Facebook: arriva l’erede digitale che gestirà i profili post mortem

Facebook: arriva l'erede digitale che gestirà i profili post mortem

Sarà il caso di fare i dovuti scongiuri, ma vi siete mai chiesti che fine farà la vostra identità digitale una volta deceduti? Pare che su Facebook ci siano oltre tre milioni di account di persone passate a miglior vita; da oggi, il social ha deciso di creare l'”erede digitale”, una nuova applicazione che permetterà di aggiornare gli account dei defunti. L’annuncio è stato pubblicato sul blog ufficiale di Facebook: “Abbiamo capito – vi si legge – che quando una persona muore il suo account può diventare un memoriale della vita, delle amicizie e delle esperienze. Parlando con persone che hanno subito una perdita, ci siamo resi conto che possiamo fare di più per coloro che hanno subito un lutto”. Questa nuova funzione si chiama “Legacy contact” e per il momento è attiva solo negli Stati Uniti, sia sul browser che sull’app; i 186 milioni di utenti Facebook potranno scegliere un parente o un amico (che ha a sua volta un account sul social) per gestire il proprio profilo post mortem. La richiesta si fa andando su “Security” e poi su “Legacy contact”, dopodiché la persona che avete scelto dovrà accettare o no. La nuova funzione permette al vostro erede di postare messaggi sulla vostra bacheca, cambiare le immagini del profilo e della copertina, accettare nuove amicizie e anche scaricare le vostre foto. Ma l’erede non potrà avere l’accesso ai vostri messaggi privati; ovviamente, si potrà scegliere in alternativa di far eliminare il proprio account una volta deceduti senza nominare alcun erede. Una volta deceduti, sul profilo, previa segnalazione, apparirà la scritta “Remembering” (in ricordo) sopra il nome della persona e sulla pagina non compariranno più messaggi pubblicitari o suggerimenti di amicizie. Però l’erede digitale non potrà eliminare i vecchi post o le foto datate, anche se dovessero essere imbarazzanti.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.