Isis%2C+ostaggio+Usa+Kayla+Mueller+uccisa+durante+il+raid+giordano
cataniaverait
/2015/02/isis-ostaggio-usa-kayla-mueller-uccisa-durante-il-raid-giordano/amp/
Categories: MondoPrima Pagina

Isis, ostaggio Usa Kayla Mueller uccisa durante il raid giordano

Published by
Filippo Mammì

Sarebbe rimasta uccisa durante uno dei raid aerei della Giordania la volontaria americana ostaggio dell’Isis Kayla Mueller, 26 anni, rapita in Siria nel 2013. Ancora non ci sono conferme, ma i miliziani sunniti hanno annunciato che la giovane statunitense sarebbe morta in uno dei bombardamenti di Amman sulla città di Raqqa, considerata la capitale del Califfato islamico, durante le ultime 48 ore. Una bomba avrebbe centrato l’edificio in cui Kayla era tenuta prigioniera; la notizia è rimbalzata dal profilo Twitter di Rita Katz, direttrice di Site, il sito di monitoraggio del jihadismo sul web, ma per il Pentagono non ci sono prove concrete che la volontaria sia effettivamente morta. La viceportavoce del dipartimento di Stato, Marie Harf, ha detto di non essere in grado di confermare la notizia: “Il fallito attacco aereo della coalizione ha ucciso un ostaggio americano donna – si legge nel messaggio dell’Isis che parla esplicitamente di “attacco giordano” e di una “coalizione guidata dagli Usa” – nessun mujahedeen è rimasto ferito nell’attacco, grazie ad Allah”. “Una trovata che ha a che fare con le pubbliche relazioni” ha dichiarato il governo giordano citato dalla Cnn, che ha accusato i jihadisti di ricorrere ancora una volta alla propaganda, denunciando la morte della Mueller. Site, comunque, ha pubblicato alcune immagini di un edificio, prima in piedi e poi ridotto ad un cumulo di macerie, insieme alla foto della cooperante; Kayla Mueller, ultimo ostaggio americano ad essere ancora in mano ai jihadisti, era scomparsa due anni fa mentre stava cercando di raggiungere Aleppo insieme al suo ragazzo siriano, come ha riportato ieri il “New York Times”. Pochi mesi fa, i suoi colleghi volontari avevano ricevuto un video come dimostrazione che era ancora viva, nel quale la ragazza, con in testa l’hijab, chiedeva di essere salvata. I jihadisti avevano chiesto oltre 6 milioni di dollari di riscatto per il suo rilascio.

Filippo Mammì

Sono giornalista professionista da due anni, ho 35 anni e sono di Reggio Calabria. Dopo un diploma in maturità classica e una laurea presso il DAMS dell'Unical (Università della Calabria) ho passato quasi dieci anni della mia vita a Roma, lavorando prima nel mondo del cinema (mansioni varie, niente di che!); in seguito, mi sono avvicinato al giornalismo (mia seconda passione dopo il cinema) frequentando il master di primo livello di Giornalismo presso la Lumsa, abilitativo all'esame da professionista presso l'ODG. Possiedo un blog su un sito locale e collaboro, oltre che con Cataniavera.it e Newspage.it, anche con Litalianews.it

Recent Posts

Dormi con un sonnambulo? Ecco cosa fare per non metterlo in pericolo ed aiutarlo

Cosa fare se scopri che dormi assieme ad una persona che soffre di sonnambulismo? Ecco…

4 settimane ago

Poco tempo e zero idee per cena? Questa ricetta è pronta in pochi minuti ed è anche light

Scopri una ricetta pronta in pochi minuti, semplice, leggera e deliziosa. Se ti manca il…

4 settimane ago

Carlo Conti, lo sgambetto inaspettato del collega: la sua reazione è epica

Carlo Conti ha rivelato un dettaglio inedito sulla propria carriera ed ha ammesso di aver…

4 settimane ago

Paolo Villaggio, dopo la sua morte spunta la clamorosa verità: ecco di cosa soffriva l’attore

Un attore che ha fatto la storia della commedia italiana e non solo: ora, dopo…

4 settimane ago

Risparmiare tanti soldi divertendosi: questa nuova idea fa innamorare tutti

Volete risparmiare davvero tanti soldi divertendovi? Ecco la nuova idea che farà innamorare davvero tutti:…

4 settimane ago

Se noti questo piccolo insetto in casa, non sottovalutarlo: la salute è in pericolo

In tutte le case può capitare che siano presenti insetti, ma la presenza di un…

4 settimane ago