Filippo Mammì - 1 maggio 2015


Pensioni: la Consulta boccia la riforma dell’ex ministro Fornero

Pensioni: la Consulta boccia la riforma dell'ex ministro Fornero

La riforma Fornero è stata bocciata dalla Corte Costituzionale. La norma che, per il 2012 e il 2013, ha bloccato la rivalutazione automatica delle pensioni a partire da quelle superiori a tre volte il minimo (1.500 euro), è stata ritenuta incostituzionale. Lo ha stabilito la Consulta con la sentenza numero 70, depositata ieri in cancelleria; si tratta del comma 25 dell’articolo 24 del decreto “Salva Italia”, varato dal governo di Mario Monti il 6 dicembre 2011 subito dopo l’insediamento a Palazzo Chigi. Quella famosa misura, suggellata dalle famose lacrime dell’allora ministro Fornero, era stata presa “in considerazione della contingente situazione finanziaria”, ma, secondo la Corte Costituzionale, le decisioni imposte dal governo tecnico anche alle pensioni basse “risulta irragionevolmente sacrificato in nome di esigenze finanziarie non illustrate nel dettaglio”. La decisione della bocciatura è stata così motivata dalla Corte: “L’interesse dei pensionati, soprattutto di quelli con trattamenti previdenziali modesti, è teso alla conservazione del potere d’acquisto delle somme percepite”, mentre l’esecutivo Monti si limitò a “richiamare genericamente la contingente situazione finanziaria”. Quindi, secondo il parere dei giudici, “la norma si discosta in modo significativo dalla regolamentazione precedente”, spiegando che quella “non faceva discriminazioni tra trattamenti pensionistici complessivamente intesi, bensì tra fasce di importo”. In definitiva, “sono stati valicati i limiti di ragionevolezza e proporzionalità, con un conseguente pregiudizio per il potere d’acquisto del trattamento e con irrimediabile vanificazione delle aspettative legittimamente nutrite” dagli ex lavoratori con una pensione di poco superiore ai 1.200 euro, ma comunque troppo bassa. L’ex ministro Fornero ha commentato la sentenza dicendo che “non fu una scelta mia, ma di tutto il governo Monti”, ma ha specificato che la Consulta “avrà avuto le sue buone ragioni per bloccare il provvedimento”.

Leggi anche:

1 Commento pubblicato. Vuoi partecipare alla discussione? Invia il tuo commento!

  1. flavio 2 maggio 2015 at 17:12 -

    Non ci sono soldi e per risalire il governo cheide qualche piccolo sacrificio a chi ha uno stpendio/pensione, sistematicamente la corte costituzionale lo boccia. Risultato: esodati alla canna del gas e lavoratori chiamati a pagare danni. Mi aspetto di lavorare fino a 70anni perchè i nostri pensionati da 10000€ al mese possano vivere e riderci alle spalle. GRAZIE MAGISTRATI ma perchè non ve ne andate in pensione ( ma per caso avete conflitto d’interesse?)

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.