Filippo Mammì - 9 maggio 2015


Roma, tassista violentata e rapinata. Marino: “Giustizia severa”

Roma, tassista violentata e rapinata. Marino: "Giustizia severa"

Una violenza sessuale con rapina si è consumata ieri mattina a Roma; vittima una tassista di 42 anni che è stata aggredita da un cliente, che aveva caricato a bordo intorno alle 7.30 sulla via Aurelia, nei pressi di piazza Irnerio. L’uomo le aveva chiesto di andare in direzione Fiumicino, ma durante il tragitto ha iniziato a farle cambiare più volte strada finchè, secondo il racconto della donna, l’ha fatta accostare in una stradina nei pressi di Ponte Galeria, in mezzo alla campagna. A quel punto, le avrebbe sferrato un pugno costringendola poi a praticargli un rapporto orale. Dopodichè, è fuggito a piedi dopo averle rapinato l’incasso. La tassista, sotto choc, ha dato immediatamente l’allarme comunicando via radio con la sua cooperativa, la Radiotaxi 3750; è stata poi accompagnata in ospedale. Della vicenda si stanno occupando gli agenti della Squadra mobile della Capitale, che hanno ascoltato la donna, e la polizia scientifica che ha effettuato alcuni rilievi sul taxi guidato dalla quarantenne, alla ricerca di qualche traccia o impronta lasciata dal rapinatore, sicuramente italiano dall’accento romanesco, dileguatosi in campagna. Secondo le descrizioni fornite dalla vittima, l’uomo dovrebbe avere 40 anni, è palestrato e calvo. Potrebbe trattarsi della stessa persona che, negli ultimi giorni, ha tentato di rapinare quattro autisti per le strade romane, l’ultimo colpo è stato segnalato a Piazza dei Re di Roma, all’Appio Tuscolano, ma su questo punto gli investigatori preferiscono essere prudenti.

Il suo modus operandi sembra sempre lo stesso: chiama i tassisti direttamente in strada, per non lasciare tracce telefonando al radiotaxi, si fa trasportare in strade isolate e poi scatta l’aggressione a pugni selvaggi per rapinare il malcapitato dell’incasso. Forse questa volta l’uomo ha cambiato idea quando si è accorto che il conducente era una donna. Parole di vicinanza e solidarietà sono giunte dal sindaco capitolino, Ignazio Marino: “Le violenze e gli abusi sessuali sono reati vili e criminosi contro l’umanità – ha dichiarato – di fronte alla vigliaccheria di chi usa la violenza e la forza per ferire una donna nel corpo e nello spirito non si può lasciare spazio a nessun tentennamento nell’invocare una giustizia rapida e severissima. Questa amministrazione farà quanto è in suo potere per essere vicino alla donna vittima di violenza”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.