Filippo Mammì - 18 giugno 2015


Scritti di maturità: tra le tracce Calvino, i migranti e la Resistenza

Scritti di maturità: tra le tracce Calvino, i migranti e la Resistenza

Ieri si è svolta la prima prova di italiano per oltre 500mila studenti agli esami di maturità 2015; per l’analisi del testo, è stato proposto Italo Calvino con il brano “Il sentiero dei nidi di ragno”. Per la stesura del saggio breve o dell’articolo di giornale, i ragazzi hanno potuto scegliere tra “La letteratura come esperienza di vita” per l’ambito artistico – letterario e “Le sfide del XXI secolo e le competenze del cittadino nella vita economica e sociale” per l’ambito socio – economico. Per l’ambito storico – politico la traccia proposta è stata “Il Mediterraneo: atlante geopolitico d’Europa e specchio di civiltà”, mentre per la tematica tecnico – scientifica si è puntato sull’informatica con “Lo sviluppo scientifico e tecnologico dell’elettronica e dell’informatica ha trasformato il mondo della comunicazione, che oggi è dominato dalla connettività. Questi rapidi e profondi mutamenti offrono vaste opportunità, ma suscitano anche riflessioni critiche”. Per le tematiche storiche, per la prima volta è stato proposto un brano, scritto da Dardano Fenulli, un ufficiale dell’esercito regio che dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 partecipò alla Resistenza e per questo fu condannato a morte; per quanto riguarda invece le tematiche generali, per concludere, la proposta di attualità trattava una citazione presa dal libro scritto dalla studentessa 18enne pakistana Malala Yousafzai, premio Nobel per la pace 2014, che ha rischiato di finire uccisa per le sue rivendicazioni riguardo il diritto allo studio anche per le bambine. Giulia Serventi Longhi, dal sito Studenti.it, ha spiegato che l’orientamento prevalente dei ragazzi è stato “il saggio breve di Calvino. E’ questa l’indicazione che abbiamo raccolto dagli studenti”.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.