Redazione - 12 febbraio 2018


Pene e performance sessuali

Pene e performance sessuali

Le performance sessuali da parte degli uomini sono sempre state un argomento molto chiacchierato e diffuso, specialmente nella nostra era contemporanea, dove discutere di sesso, dimensioni, organi genitali e durata non sono più considerati un tabù dalla società e possiamo fare tranquillamente citazioni e riferimenti senza essere giudicati. Per quanto sia chiaro, che il sesso viene consumato da una coppia di partner, la prestazione da parte dell’uomo è sempre al centro dell’attenzione, sia che venga lodata o criticata, sia perché venga incoraggiata a migliorare, cercando di trovare soluzioni per superare ostacoli che non consentono di raggiungere l’appagante piacere sessuale. Vogliamo rassicurare tutti quegli uomini che si sentono insicuri perché hanno avuto qualche imprevisto o che vogliono solo informarsi sull’attività del proprio pene, cercando di riportare informazioni sull’apparato genitale maschile ed infine aiutandovi con qualche consiglio per aumentare la vostra virilità e migliorare le performance, in modo che potrete riscoprire il piacere sessuale con la/il propria/o partner, in maniera del tutto sicura.

Pene: cosa bisogna sapere?

Dimensioni
Mettiamo al primo posto una delle questioni più discusse al giorno d’oggi e che ogni uomo deve affrontare per vivere serenamente, le dimensioni. Diciamo la verità, il popolo maschile è fortemente influenzato dalla pornografia, che sin dall’età adolescenziale all’età adulta crea nell’uomo la visione di una sfera sessuale ben diversa dalla realtà vera e propria, con particolare affermazione sul confrontare le dimensioni del proprio pene con quelle visionate. Chiaramente i dubbi sorgono, così come le esigenze e gli stati emotivi di ognuno nell’approcciarsi con l’altro sesso, e talvolta può essere davvero paranoico non sapere se ciò che si sta offrendo del proprio corpo, è all’altezza oppure no ma si parte solamente dal presupposto che più è grande e meglio è. Vediamo quindi di puntualizzare il fatto delle dimensioni.

Dopo migliaia di ricerche al riguardo, effettuate sia in Italia che all’Estero, si è potuto precisare che le lunghezze medie del pene flaccido ed in erezione, sono come segue:

  • Flaccido, va dai 6,5 ai 9,5 cm, con larghezza di 8-9 cm;
  • L’ Erezione media è intorno ai 12,5 cm, la lunghezza può variare però dai 7 ai 17 cm.

Questi sono i risultati di ricerca riportati dall’istituto americano Kinsey su un campione di 2.376 uomini, che a quanto pare riconferma le lunghezze medie del pene maschile, studiati negli ultimi anni. Ricordiamo inoltre che la dimensioni del proprio membro non condizionano del tutto il piacere femminile visto che la vagina tende ad adattarsi alle dimensioni del pene che la penetra.

Per quelli che sono intenzionati o desiderano avere qualche cm in più, e sono alla ricerca di metodi, magari naturali di allungamento del pene, consigliamo di dare un’occhiata a tutti gli oggetti che abbiamo ora sul mercato come, pompe peniene, creme, integratori, estensori che possono aiutare a risolvere questa esigenza.

Erezione
L’erezione è un altro fattore importante quando si parla di prestazioni sessuali, specialmente la durata della turgidità del pene che può condizionare di molto il rapporto e la penetrazione. Essendo un riflesso spinale che porta all’ingrandimento del pene, questo fenomeno riflette lo stato di eccitazione sessuale maschile causato da stimoli che partono al sistema nervoso centrale. Gli stessi stimoli, di origine erotica possono essere di varia natura, infatti riconosciamo gli stimoli visivi, olfattivi, uditivi e psicologici, che una volta integrati come impulso, vanno a determinare la risposta ai centri di controllo spinale, i quali stimoleranno e daranno il via al processo di erezione.

Durante la fase di erezione, il pene attraversa diverse fasi di turgidità, atto del tutto involontario ma che è spesso causato dall’attività psicologica che ci spinge ad avere paura di perdere l’erezione. Diversi, sono anche gli accorgimenti da prendere in considerazione e da seguire su come mantenere erezioni costanti, un alto livello di virilità e continuare ad avere buone prestazioni sessuali. Quelli che andremo a riportare sono consigli, tutti basati su ricerche documentate ed effettuate recentemente, che si possono applicare e migliorare:

  • Sedentarietà e Teledipendenza – persone che conducono vite sedentarie senza nessuna attività fisica, tendono a soffrire maggiormente di disfunzione erettile. Molti studi legano infatti, l’attività sportiva ad una buona vita sessuale.
  • Insonnia – è dimostrato che dormire le giuste ore di sonno può mantenere equilibrati i livelli di testosterone, ed infatti la mancanza di sonno non solo va a discapito dell’attività sessuale ma riduce la tonicità, portare il pessimo umore e affaticamento.
  • Fumo – come scritto in tutti i pacchetti, fumare fa male alla salute dell’organismo e causa la disfunzione erettile. Si è appurato inoltre, come fumare per lunghi periodi porti l’accorciamento dell’organo genitale fino ad un centimetro.
  • Sesso 3 volte a settimana – è consigliato avere rapporti sessuali per tre volte a settimana, o meglio, in un rapporto di coppia stabile è consigliato consumare sesso almeno una volta a settimana, onde evitare di raddoppiare l’incidenza della disfunzione erettile.
  • Alimentazione giusta – è risaputo che mangiare cibo spazzatura non aiuti il corpo ne tanto meno l’erezione, visto che alimenti stracotti o fritti fanno aumentare il colesterolo che ottura i vasi sanguigni e il sistema circolatorio, quindi è bene mantenere un’alimentazione sana e praticare attività sportiva in maniera costante. Per quanto riguarda gli alimenti da assumere, bisogna concentrarsi su frutta e verdura ma in particolare sui seguenti: Caffe, noci, pistacchi, mirtilli, fragole, mele, anguria, agrumi, peperoni gialli, pesche e spinaci, in più aggiungiamo la vitamina D per l’aumento del testosterone.

Vi abbiamo indicato due argomenti che riguardano le problematiche più diffuse che penalizzano le prestazioni sessuali, cercando di informarvi e consigliarvi al meglio. Questo perché ad oggi più del 90% dei problemi legati alla sessualità sono causati dall’ansia e fattori psicologici, vogliamo inoltre spingervi ad affrontare eventuali problemi con il vostro pene, parlandone con il vostro medico senza vergogna.

Leggi anche: