Redazione - 25 luglio 2018


Le migliori spiagge della Sicilia

Le migliori spiagge della Sicilia

La Sicilia è l’isola più grande del Mediterraneo, con i suoi circa 26mila chilometri quadrati di superficie. Una terra che si caratterizza per la bellezza delle proprie città, i profumi e i sapori tipici, gli scorci panoramici, ma soprattutto per le tante spiagge. Ogni anno milioni di turisti si riversano nella regione più a sud d’Italia per trascorrere le vacanze all’insegna del relax, immergendosi nel limpido mare siciliano. Sono tante le località che vale la pena visitare, e certamente non sarà facile esplorare tutta la regione in un’unica sortita. Ma proviamo a vedere in questo articolo quali sono le spiagge più belle della Sicilia, quelle davvero imperdibili.

Isola bella e isola dei conigli

La Sicilia può vantare ben 19 isole, inserite in diversi arcipelaghi, tutte di interesse turistico. L’ arcipelago delle Eolie e delle Egadi sono i più visitati: il primo ha la peculiarità di avere tutte isole di origine vulcanica, mentre quello delle Egadi si caratterizza per l’aspetto naturalistico e per il mare incontaminato.

Tra queste isole spicca senz’altro l’Isola bella, situata a poca distanza dalla splendida cittadina di Taormina. Si tratta di un luogo davvero spettacolare, sia dal punto di vista paesaggistico che per l’acqua cristallina che non ha nulla da invidiare a quella delle località caraibiche. Fare un giro in barca per tutta l’isola è un’esperienza sensoriale che vi rimetterà in pace con il mondo e vi regalerà delle “cartoline” imperdibili.

A poca distanza da Lampedusa c’è invece l’Isola dei Conigli, considerata tra le spiagge più belle del mondo. La sua conformazione totalmente rocciosa, assieme alla conservazione di molte specie naturali, la rende meta ideale sia per un’escursione romantica che per una gita con i bambini.

Cala Rossa e San Vito lo Capo

Spostandoci dall’altra parte della Sicilia, quella nord occidentale per intenderci, troviamo queste due spiagge che sono davvero un must per coloro che decidono di trascorrere qualche giorno da queste parti.

Cala Rossa è una spiaggia che si trova a nord-ovest dell’isola di Favignana, in una delle zone più suggestive della Sicilia. Il suo nome è dovuto alla memoria delle guerre puniche che qui si sono combattute, e quindi a tutto il sangue versato in quelle battaglie. Le rocce rosse che fanno da contraltare alla macchia blu del Mediterraneo creano un gioco cromatico sbalorditivo, inoltre le insenature e gli scogli contribuiscono a formare un paesaggio da favola.

Quella di San Vito lo Capo è una spiaggia che si estende per parecchi chilometri lungo la costa di Trapani. Acqua azzurra e sabbia bianca caratterizzano questa spiaggia a ridosso della montagna, impreziosita anche dal museo del mare che conserva parecchi relitti del passato.

Sampieri e Scala dei turchi

La spiaggia di Sampieri si trova a Scicli (Ragusa) e offre un colpo d’occhio davvero notevole per via dei faraglioni che la contraddistinguono. Si tratta di una spiaggia ideale per chi vuole fare immersioni, visto i fondali limpidi e profondi, ed è un continuo alternarsi tra ghiaia, sabbia e calette.

La scala dei turchi deve il suo nome ai Saraceni, che erano soliti fare delle incursioni da queste parti nel passato. Una parete di falesia a picco sul mare cristallino offre uno scenario meraviglioso, da ammirare in tutto il suo fulgido splendore naturale. Scala dei turchi si trova tra Realmonte e Porto Empedocle, in provincia di Agrigento.

A sud dell’isola…

Oltre alle spiagge mozzafiato che abbiamo appena descritto, la Sicilia può vantare anche sei bandiere blu. Si tratta di località che sono state insignito del riconoscimento internazionale che vuole premiare non solo la bellezza della spiaggia, ma anche la sua funzionalità sul piano dell’accessibilità, delle strutture ricettive ecc.

Quest’anno si sono aggiudicate il prestigioso premio le spiagge di Santa Tersa di Riva, Tusa, Isole Eolie (Vulcano, Stromboli), Menfi, Marina di Ragusa e Ispica.

Il merito di questi riconoscimenti è da ascrivere ad una politica di promozione territoriale che ha portato un forte sviluppo soprattutto nel sud dell’isola, un po’ troppo trascurato fino a qualche tempo fa. A beneficiarne sono state principalmente le città di Ragusa e Siracusa, con le loro tante opere di arte barocca che finalmente stanno trovando risalto e apprezzamento tra i turisti. La cittadina di Noto, autentico gioiellino della zona, ha avuto un vero e proprio boom di visitatori, ma in generale c’è stato un netto miglioramento delle infrastrutture e delle strutture ricettive presenti in questi luoghi.

Un esempio lampante è rappresentato da Marispica, un club di grande pregio, sarebbe riduttivo contrassegnarlo come un semplice villaggio turistico in Sicilia, si trova a Santa Maria del Focallo (Ragusa). Questa struttura gode di una posizione strategica (sorge sul mare, è immersa nel verde ed è vicina sia a Ragusa che a Siracusa) e offre servizi di primo livello sia sul piano della ristorazione (due ristoranti e tre bar) che per quanto riguarda svaghi, animazione e servizi medici (anche pediatrici).

Leggi anche: