Redazione - 19 settembre 2018


Esplorando il potere curativo delle piante

Esplorando il potere curativo delle piante

Avere un giardino o semplicemente una piantina sul davanzale può essere davvero terapeutico per coloro che confidano nel potere curativo delle piante. L’attività di giardinaggio, di per sé, è un modo di impiegare il proprio tempo in maniera costruttiva, visti e considerati gli innumerevoli benefici che è possibile trarre dalla cura delle vostre piante. Recenti studi hanno infatti dimostrato che dedicarsi alla natura e diventare dei pollici verdi può alleviare gli stati depressivi e fungere da terapia in caso di tossicodipendenze, senza sottovalutare l’occasione di stare in movimento e all’area aperta, allietati dalla luce calda del sole. Nonostante la vita frenetica che sembra imporci il mondo moderno, tutto caratterizzato da uno stile di vita stressante e poco attento alla tutela dell’ambiente, curare le piante è uno dei modi per rifuggire dal caos della città. Scoprire il mondo delle piante, inoltre, è l’occasione per accrescere la propria cultura e immergersi in un mondo che può stimolare la propria creatività. Ciò non significa che possiamo diventare tutti garden designer e progettisti di giardini ma che, dedicarsi alla cura delle piante, può rivoluzionare e arricchire la quotidianità con semplici rituali da ripetere ogni giorno. La natura è di fondamentale importanza e, soprattutto, una passione da coltivare.

Imparare a coltivare è veramente semplice
Se pensate che intraprendere l’attività di giardinaggio sia molto difficile, è il momento giusto per ricredersi e correre ai ripari, acquistando quella piantina che avete adocchiato al vivaio sotto casa o nel giardino dei vostri amici. Curare le piante non ha nulla di complicato, basta armarsi di pazienza ed essere consapevoli del compito impegnativo al quale avete scelto di dedicarvi. Affinché il seme produca i suoi frutti, è necessaria una manutenzione quotidiana della vostre piantine, annaffiandole e proteggendole da eventuali insetti dannosi che possono attaccarle e farle essiccare o addirittura morire. Fondamentale, infine, è l’esposizione alla luce del sole, nutrimento essenziale di molte specie di piante.

Per carpire informazioni sulla piantina da comprare adatta all’ambiente di cui avete a disposizione, potete fare delle ricerche online o chiedere consigli al vostro fioraio di fiducia. Nel primo caso, ad esempio, potete affidarvi a siti web esperti che possono fornirvi tutte le informazioni di cui avete bisogno. A tal proposito segnaliamo faidateingiardino, il portale di giardinaggio che aiuta nella coltivazione di molte specie di piante, come quella del frutto chinotto. Una guida passo passo sulle caratteristiche delle piante, i tempi e i luoghi di esposizione, il tipo di terreno necessario alla buona crescita, l’irrigazione, la concimazione e la potatura. E se mettiamo che ogni pianta può avere un proprio potere curativo, particolare attenzione è dedicata a tutte le proprietà di cui ogni specie è dotata.

Piante da interni e piante da esterni
Qualsiasi sia la disponibilità di verde intorno a voi, è possibile scegliere la pianta o la piantina che più si adatta alle vostre necessità. Ogni pianta è un universo da esplorare e conoscere nei particolari per capire meglio che tipo di cura è più adatta alla sua sopravvivenza. Le piante da interni possono ricreare i vostri ambienti, abbellendoli e garantendo il ricambio di ossigeno anche nelle ore in cui le vostre stanze hanno le finestre chiuse.

Sono adatte a casa e ufficio e donano un tocco di luce negli ambienti particolarmente chiusi. L’Aole Vera, la Palma Areca, l’Edera, la Felce e tantissime altre sono le piantine più scelte dagli amanti del verde. La Campanula, le Viole, il Bamboo e i Gerani, invece, sono solo alcune delle piante che potete curare nel vostro giardino, cimentandovi anche nella scelta dell’ubicazione della pianta, come nei punti e negli angoli che desiderate abbellire. Il mondo del giardinaggio è davvero ricco di sorprese e, in poco tempo, può cambiare la vostra vita.

Leggi anche: