Redazione - 30 settembre 2018


Verde e natura per una vita felice: i benefici del giardinaggio

Verde e natura per una vita felice: i benefici del giardinaggio

In questo mondo industrializzato e avviato ormai da decenni verso il progresso, la natura sembra essere uno dei pochi rifugi rimasti all’uomo per ritrovare se stesso. Fare una passeggiata in un parco, all’area aperta, stare a contatto con le piante e i fiori freschi, rappresenta un toccasana in grado di ristabilire un equilibrio che il caos della città sottrae instancabilmente e ininterrottamente. Campagne politiche e innumerevoli associazioni di volontariato non fanno altro che indurre la nostra società ad adottare stili di vita più salutari, che hanno l’unico scopo di tutelare il verde e la natura che ancora circonda le nostre città invase dal fumo e dai rifiuti.

D’altro canto, la possibilità di ricreare uno spazio verde anche a casa propria, darsi al giardinaggio e alla cura delle piante per diventare veri e propri pollici verdi, è l’unica soluzione possibile per fronteggiare il pericolo della perdita dei benefici della natura. Non è necessario possedere un giardino o disporre di un orto botanico, ma anche solo una piccola piantina sul balconcino o sulla finestra della vostra casa può rappresentare il cambiamento e fare la differenza.

La buona notizia è che fare giardinaggio apporta benefici alla salute psicofisica e che, quindi, può aiutare anche in caso di depressione o tossicodipendenza. Inoltre, stare al sole per qualche decina di minuti al giorno è benefico per la pelle per il suo apporto di vitamina D.

Alcune dritte per curare il giardino
I fortunati che hanno un bel giardino nel quale adorano coltivare piante e fiori, sanno che è necessaria particolare cura e attenzione nell’attività di giardinaggio. Piantare un particolare fiore o qualsiasi specie di pianta richiede l’attesa della stagione giusta perché non tutte le piante e non tutti i fiori crescono con la stessa temperatura. Innaffiare il giardino ogni giorno per alcune piante é fondamentale, mentre alcune specie richiedono l’acqua ogni 2-3 giorni.

Se avete intenzione di coltivare l’uva spina, ad esempio, bisogna sapere che i frutti di questa pianta fioriscono nel periodo di marzo-aprile e che crescono sui rami più giovani. La bacche prodotte dalla pianta hanno un colore tendente al verdastro ma raggiungono il colore rosso verso luglio-agosto. L’uva spina si pianta facendo una buca di circa 50 cm, eliminando anche sassi e radici presenti. L’innaffiatura di questa pianta è fondamentale, in particolare nel periodo della fioritura.

Interessante è il parere di Tiziano Codiferro, il master gardener che dedica la sua vita all’amore per la natura e il giardinaggio. Seguendo i consigli di Codiferro, è possibile coltivare la vostra uva spina guidati da un maestro del settore. Potete scoprire che l’uva spina può essere coltivata anche in vaso, con tutti i consigli sulla sua dimensione e sulla quantità di terriccio da utilizzare.

Perché fa bene fare giardinaggio
Il giardinaggio è un’attività importante perché permette di stare all’aria aperta, riducendo lo stress nel nostro corpo. E’ l’occasione di sentirsi meno soli prendendosi cura giorno dopo giorno della pianta che amate o di quei fiori di cui adorate i colori e i profumi. Gestire un orto o un giardino può, in certi periodi, impegnare anche intere giornate e ciò richiede forza e motricità. Per questo motivo, fare giardinaggio significa stare in movimento, anche se non al pari di un corso di palestra.

Infine, coltivare frutta e ortaggi significa sapere con sicurezza cosa portate in tavola, con la possibilità di mangiare prodotti a km zero incontaminati e genuini. Ciò consente di consumare prodotti freschi di stagione con regolarità proprio come il vostro medico non smette mai di consigliarvi! Anche i più piccoli possono beneficiare del giardinaggio, imparando a scegliere il cibo a seconda dei colori, delle forme e dei profumi e, soprattutto, quali sono quelli che possono fare bene alla salute o meno.

Leggi anche: