Redazione - 25 novembre 2018


Nuove offerte di lavoro: Catania tra le province più floride del Sud Italia

Nuove offerte di lavoro: Catania tra le province più floride del Sud Italia

Da qui a dicembre saranno davvero numerose, a Catania e in tutta la Sicilia, le nuove opportunità di lavoro, e questa non può che essere una notizia positiva. A presentare tale notizia è stato il rapporto regionale Excelsior presentato da Unioncamere Sicilia, il quale ha fatto il punto sulle nuove opportunità occupazionali che riguarderanno l’isola nell’immediato futuro. Sebbene la Sicilia, unitamente a tutto il Meridione, sia stata tradizionalmente considerata una terra piuttosto critica a livello occupazionale, da ora fino alla fine del mese di dicembre le imprese dovrebbero effettuare circa 50.000 nuove assunzioni, una cifra davvero considerevole.

Opportunità di lavoro in Sicilia: ecco il loro “identikit”
Nello specifico, nel rapporto regionale Excelsior presentato da Unioncamere Sicilia si è parlato di 49.210 assunzioni e le città di Catania e di Palermo sarebbero le prime quanto a nuove opportunità non solo per quel che riguarda la regione, ma in tutto il Sud Italia.

È altrettanto interessante scoprire quali sono le tipologie di incarichi che le aziende siciliane sono pronte a offrire: nell’85% dei casi si tratta di assunzioni nella forma di lavoro dipendente, mentre nel restante 15% dei casi si fa riferimento a collaborazioni.

Quanto alla durata del rapporto di lavoro, nel 30% dei casi le aziende siciliane proporranno contratti a tempo indeterminato o di apprendistato finalizzato all’assunzione, nel restante 70% si tratta invece di contratti a termine.

Il 26% di tali nuove posizioni lavorative è sarà rivolta a persone under 30, nel 72% dei casi le imprese che assumono richiedono ai candidati delle esperienze professionali ferrate nella mansione, infine il 16% delle proposte riguarderà persone laureate.

Quest’ultima percentuale piuttosto bassa rappresenta sicuramente un dato poco positivo, dal momento che la categoria dei laureati è una delle più avvantaggiate nell’odierno mondo del lavoro, anche per ragioni di età.

I profili più ricercati dalle imprese siciliane
Per quel che riguarda i profili più ricercati, il 22% delle figure che le aziende introdurranno nel proprio team nelle settimane a venire è di tipo dirigenziale, il 9% riguarda impiegati, il 26% professioni commerciali e dei servizi, il 28% conduttori di impianti e operai specializzati e il 15% operai generici.

Tra le figure che le aziende siciliane stanno facendo più difficoltà a individuare figurano soprattutto professionisti del marketing e della vendita, tecnici informatici e operatori per la cura estetica.

Alla luce di questo, dunque, per chi vive in Sicilia o comunque per chi è disposto a trasferirsi nell’isola non può che essere un buon suggerimento quello di attivarsi nella ricerca di un lavoro.

I canali di ricerca più classici corrispondono alle agenzie interinali, ai centri per l’impiego, ai contatti presi direttamente con le imprese; non è mai superfluo sottolineare che oggi, grazie al web, è possibile inviare il proprio curriculum in modo estremamente semplice anche senza doversi recare sul posto.

L’auspicio: più lavoro e anche più sicurezza
Ci si auspica dunque che tutte le aziende siciliane in grado di assumere del nuovo personale riusciranno a trovare dei professionisti adatti alle loro esigenze; in un periodo storico come quello attuale tutto ciò che comporta l’incremento delle opportunità occupazionali merita di essere posto in evidenza.

Parallelamente a questo, si auspica anche che i lavoratori possano svolgere la loro professione in sicurezza.

Purtroppo gli incidenti sul lavoro, in Sicilia come nel resto d’Italia, continuano a verificarsi, dunque è fondamentale che i datori di lavoro forniscano ai loro dipendenti tutto ciò che è necessario per poter operare in sicurezza.

La sicurezza sul lavoro, è utile ricordarlo, è legata fondamentalmente a due aspetti: da un lato alla formazione del personale, la quale è anch’essa obbligatoria, dall’altro alla messa a disposizione di tutti i dispositivi di protezione individuale i quali possono variare in relazione al tipo di attività svolta.

Ogni singola mansione, infatti, richiede dei dispositivi di protezione individuale specifici, si spazia quindi dalle scarpe antinfortunistica alle tute da lavoro, come quelle proposte da siti web specializzati quali GedShop.

Leggi anche: