Redazione - 14 Febbraio 2019


Elettrici, intelligenti, stampati in 3D: le nuove tecnologie per gli pneumatici

Il futuro dell’automotive passa anche attraverso l’evoluzione degli pneumatici. Vediamo quali sono le innovazioni previste per i prossimi anni

Elettrici, intelligenti, stampati in 3D: le nuove tecnologie per gli pneumatici

Si parla già tanto di macchina a guida autonoma e di rivoluzione all’interno del mondo delle auto, ma spesso viene trascurato un aspetto fondamentale: quello degli pneumatici. Ormai da decenni, nonostante le continue migliorie, la ricerca sulle gomme è piuttosto statica, ci si è più che altro soffermati sulla realizzazione di pneumatici più performanti (a tal proposito si può trovare una vasta selezione dei migliori pneumatici estivi su Sacconblog) senza considerare la necessità di un balzo tecnologico. All’orizzonte si intravedono novità interessanti, che pongono al centro del progetto l’elettricità. Come ha specificato Herman Vereecken, manager per le strategie di comunicazione presso Goodyear: “per cento anni gli pneumatici sono stati sviluppati in base ai materiali e alla meccanica, ma ora stiamo entrando in una nuova dimensione elettrica”. In altre parole, i componenti elettrici rappresentano il futuro nel settore degli pneumatici.

Pneumatici intelligenti

Gli pneumatici intelligenti sono oggetto di studio e di ricerca da molto tempo, anche se solo in tempi recenti si è riusciti a raggiungere concept di rilievo, come quelli presentati al Motor Show di Tokyo del 2017. La funzionalità di queste gomme prevede l’utilizzo di sensori che analizzano la superficie della strada, adattando battistrada e design in base alle condizioni rilevate. Ad esempio in caso di ghiaccio o asfalto scivoloso, lo pneumatico si espanderebbe in modo da creare un grip maggiore. In questo modo chi guida avrebbe un controllo ottimale su ogni tipo di superficie, con un tasso molto elevato di sicurezza.

Gomme stampate in 3D

Stampare pneumatici in 3D rivoluzionerebbe il modo in cui questi andrebbero prodotti e conservati. Michelin sta sviluppando dei modelli di pneumatici all-in-one realizzati a partire da materiali biodegradabili con una copertura in gomma che può essere recuperata una volta in disuso. L’obiettivo è mettere in strada pneumatici altamente affidabili ed ecologici che possano garantire eccellenti performance ad un costo decisamente ridotto.

Pneumatici che camminano anche se bucati

Una delle novità più importanti del settore riguarda sicuramente lo sviluppo di pneumatici in grado di camminare anche se forati. Dando per scontato l’enorme aumento della sicurezza stradale, altri vantaggi sono un minor consumo di carburante e la preservazione della ruota, che spesso invece viene danneggiata a causa dell’attrito con l’asfalto quando la gomma è a terra.

Questi pneumatici permettono di continuare a guidare anche con la perdita di pressione, per distanze che superano anche i 50 Km a velocità intorno agli 80 Km/h. Tutto questo grazie al battistrada rinforzato che mantiene la gomma in pressione e consente così di raggiungere facilmente e senza problemi un gommista o la propria abitazione.

Leggi anche: