Tommaso Napoli - 18 agosto 2011


Abbazia di Monreale: crolla il tetto, nessun ferito

Abbazia di Monreale: crolla il tetto, nessun ferito

Abbazia di Monreale: crolla il tetto, nessun ferito

Catania, 18 agosto 2011. Abbazia di Monreale: crolla il tetto, nessun ferito. Una parte del tetto dell’Abbazia di Monreale (Palermo) è crollata aprendo una falla nella copertura dell’edificio. Nessun ferito da registrare. Il soprintendente ai beni culturali di Palermo, Gaetano Gullo, ha voluto precisare che “non c’è stato nessun crollo nel dormitorio dei Benedettini, a Monreale. Si è verificato soltanto uno scivolamento di parte della copertura delle falde che coprono la struttura, nel lato nord, quello prospiciente il chiostro del Duomo”. Continua Gullo affermando: “Ieri la Soprintendenza è immediatamente intervenuta, insieme ai vigili del fuoco che hanno compiuto una verifica della struttura escludendo ogni rischio di cedimento. Adesso c’è da capire come sia stato possibile quanto avvenuto in una struttura restaurata circa quindici anni fa. I vigili del fuoco hanno anche appurato che non c’è alcun pericolo per i visitatori. Il chiostro del Duomo di Monreale resterà aperto ai turisti. Soltanto l’ala prospiciente la parte del tetto scivolato sarà transennata per precauzione”.

Salvino Caputo, presidente della commissione parlamentare ‘Attività produttive dell’Ars’ e vicesindaco di Monreale, è invece critico per ciò che è accaduto: “c’era da aspettarselo. Un monumento inaugurato 14 anni fa, mai aperto e senza manutenzioni ordinarie e straordinarie prima o poi avrebbe determinato problemi strutturali e pericoli per la sicurezza pubblica. È assurdo che un monumento realizzato con un costo di 25 milioni di euro non venga aperto per la mancanza di 250 mila euro necessari per dotare la struttura di un impianto di antincendio”.

Abbazia di Monreale: crolla il tetto, nessun ferito

Leggi anche:

1 Commento pubblicato. Vuoi partecipare alla discussione? Invia il tuo commento!

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.