Facebook: arriva Airtime, la chatroulette secondo mr. Napster

Facebook: arriva Airtime, la chatroulette secondo mr. Napster

Facebook: arriva Airtime, la chatroulette secondo mr. Napster

Sean Parker e Shawn Fanning, il duo che creò Napster, tornano in pista con un nuovo progetto per Facebook, Airtime. Ma cos’è? Airtime è un servizio che permette la video-chat tra gli amici di Facebook, ma non solo, c’è anche la possibilità di video-chattare con sconosciuti, un po’ come funziona per le chatroulette. “Si sta cercando di riportare la sorpresa e la serendipità di Internet. Una caratteristica che c’era nei suoi primi giorni di vita, ma che poi è andata svanendo“, commentano Parker e Fanning. Durante la conferenza stampa di presentazione mr. Napster si è chiesto perché Internet sia diventata così noiosa, rispondendosi “perché non lascia spazio alla casualità“. Poi qualcosa che nessuno si aspettava da colui che fu il primo presidente del social network con più iscritti: “Facebook non ti aiuta a fare nuove connessioni, a sviluppare nuove relazioni, cerca soltanto di creare il modello più accurato possibile del tuo grafo sociale. C’è una parte di me che è un po’ stufa di tutto questo“. Una frase che sicuramente non farà piacere a Mark Zuckerberg. “Nel 2012 saranno messe in commercio 800 milioni di webcam” sottolinea Parker che poi spiega come si potrà attivare Airtime: “Per attivare questa applicazione, basterà cercare AirTime nella barra delle ricerche su Facebook. Una volta attivata, verrete rimandati al sito AirTime, dal quale, accedendo con il sistema Facebook Connect, potrete attivare l’applicazione“.

Durante la conferenza Sean Parker spiega che proprio su una chat-room lui e Shawn Fanning si sono conosciuti creando poi un rapporto di amicizia anche fuori la rete. Ma attenzione a paragonare Airtime alle chatroulette, spiega Parker, perché una delle principali differenze è questa piattaforma permette di collegarsi con persone sconosciute ma in base alle cose in comune evidenziate dalle condivisioni su Facebook, posizione geografica, interessi, giochi con possibilità di scegliere se video-chattare con una determinata persona o meno in base all’affidabilità di tale utente. Un’altra notevole caratteristica è che per evitare esibizionisti e nudisti, Airtime integra al suo interno diversi strumenti di riconoscimento facciale che andranno a segnalare chi si presenta davanti alla webcam con l’intento di mostrate parti intime.

Leggi anche:


Segui le News di Cataniavera.it:

Lascia un commento


1 commento


10 luglio 2012, ore 15:47 - Ulrik Il Geek

Il problema di Airtime è la violazione de la privacy (screeshot della vostra webcam)
A differenza di altri sito web come http://chatroulette.com o la chatroulette incontri (italiana) WizzCAM : http://www.wizzcam.it : in cui anonimato è totale


Si prega di leggere in "Disclaimer" il regolamento dei commenti. Se il tuo commento non appare potrebbe essere finito tra lo spam. Al più presto se ritenuto idoneo verrà pubblicato da un moderatore.

Altre News che ti potrebbero interessare

Facebook, Mark Zuckerberg assolto sul ricorso dei gemelli Winklevoss
Facebook, "Winklevoss": adesso si appellano alla Corte Suprema
Facebook: brevetto per il Tag
Facebook: dillo a Obama
Facebook: ecco come attivare il riconoscimento facciale
Social Network Italia: l'84% ci va almeno una volta al giorno
Google + è ufficialmente aperto a tutti...
Uomini e Donne anticipazioni, Stefano Monte non è impegnato: il trono Blu si avvicina
Anonymous Vs Beppe Grillo, il gruppo hacker oscura il sito beppegrillo.it
Facebook obbliga a cambiare indirizzo email: @facebook.com
Kim Dotcom, ritorna mr. Megavideo e Megaupload con Megabox
Facebook combatte la pedofilia spiando le chat private
Google vuole comprare WhatsApp per realizzare 'Babel'
Acchiappalavoro.com: la ricerca del lavoro diventa veloce, produttiva e senza ostacoli
Timb: il WhatsApp di TOR per chattare anonimamente
Spotify raggiunge 40milioni di utenti, Eminem il più ascoltato
Emoticon, novità 2014: arriva anche il dito medio
Facebook e l'acquisto di Whatsapp nel mirino dell'UE