Terremoto, esperti lanciano l’allarme: sisma 7,5 magnitudo colpirà lo stretto di Messina

Terremoto, esperti lanciano l'allarme: sisma 7,5 magnitudo colpirà lo stretto di Messina

Terremoto, esperti lanciano l’allarme: sisma 7,5 magnitudo colpirà lo stretto di Messina

Il 4 luglio 2012 due scosse di forte entità sono state avvertite in Sicilia. Il primo terremoto è avvenuto alle ore 13 e 15 a sud est di Catania con magnitudo 4.8 gradi e con epicentro registrato in mare, a una profondità di 48 chilometri, nel mar Ionio al largo delle coste calabresi e di quelle siciliane, distante 73 chilometri dalla città di Brancaleone in Calabria. Il terremoto è stato avvertito anche nella città di Catania. Qualche ora più tardi, alle 15 e 27, è stata registrata una seconda scossa di magnitudo pari a 4.1 gradi della scala Richter, nei pressi delle isole Lipari, a nord di Messina. Il secondo sisma è stato registrato ad una profondità di 178 chilometri. Intanto Romano Camassi, ricercatore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, lancia l’allarme ai microfoni di ‘Ho scelto Manà‘: “Il tanto temuto sisma che dovrebbe imbattersi tra la Sicilia e la Calabria non è detto che ci sia a breve. Tutti gli addetti ai lavori sanno che quella è una zona ad alto rischio sismico. Per cui un terremoto potrebbe esserci tra un mese o tra 20 anni“. Sulla questione interviene anche il presidente dell’Enea di Bologna, Alessandro Martelli, che sostiene che la magnitudo del terremoto che riguarderà lo stretto di Messina potrebbe toccate i 7,5 gradi. Romano Camassi risponde: “Martelli è un ingegnere e direttore di una sezione dell’Enea, inoltre, ha più volte dichiarato di aver segnalato soltanto studi. La possibilità che vi sia il sisma in quella zona c’è, ma non si può sapere quando“. E conclude: “Sicuramente la ricerca sta affrontando la possibilità di determinare un terremoto, ma non si hanno ancora esiti soddisfacenti, ma è un ambito in cui si deve insistere“.

Leggi anche:


Seguici su Facebook

Seguici su Twitter


Seguici su Google+

Lascia un commento


1 commento


5 luglio 2012, ore 22:19 - massimo

Ma più che allarme è procurato allarme. E’ inutile giocare che ci sarà un sisma di forte magnitude. Si sà che in quella zona esiste la possibilità, ma il fatto stesso che non si possono prevedere così come dicono gli esperti. Questo provoca solo gravi tenzioni e stress alla popolazione che vive in quella zona e che nulla può fare. Sarebbe meglio che si dessero da fare per creare strutture adeguate per rendere gli edifici più agibili. Tutto il resto sono solo chiacchiere e non per questo fortunatamente la commissione grandi rischi dell’Aquila fu messa sotto inchiesta e speriamo che paghino il prezzo giusto al procurato e non procurato allarme ma forse devono pagare per essere stati ancora una volta non all’altezza delle loro capacità professionali.


Si prega di leggere in "Disclaimer" il regolamento dei commenti. Se il tuo commento non appare potrebbe essere finito tra lo spam. Al più presto se ritenuto idoneo verrà pubblicato da un moderatore.

Altre News che ti potrebbero interessare

Terremoto in provincia di Catania
La riforma Gelmini slitta ancora, intanto oggi "cento fontane" si sono tinte di rosso...
Terremoto Giappone, tre nuove forti scosse, 10mila dispersi
Terremoto in Turchia
Terremoto in Sicilia, Veneto e Lombardia: la terra continua a tremare
Terremoto New York-Washington, danni e paura per l'East Cost
Terremoto tra Messina e Palermo, scossa magnitudo 3.1
Terremoto a Palermo: scossa di 4,2 gradi
Etna: tre scosse di terremoto di magnitudo 2.2, nove in totale
Terremoto 8.9 colpisce l'Indonesia, allerta tsunami in 26 Paesi
Benzina: il governo, causa terremoto, aumenta le accise
Terremoto Emilia Romagna, oggi 4 scosse in 30 minuti
Terremoto: cinque scosse nella notte a Catania, magnitudo 3.2 la maggiore
Terremoto a Roma, sisma avvertito anche dal Papa
Terremoto oggi in Sicilia e Calabria: magnitudo 3.3 sullo stretto di Messina
Terremoto tra Messina e Catania, 4 gennaio 2013: scossa di magnitudo 4.3
Terremoto Sicilia, Luke Thomas prevede un nuovo sisma per il 20 agosto
Terremoto di magnitudo 5.1 colpisce la California meridionale