Filippo Mammì - 29 agosto 2014


Canada: passeggere moleste, aereo atterra scortato dai caccia

Canada: passeggere moleste, aereo atterra scortato dai caccia

Canada: passeggere moleste, aereo atterra scortato dai caccia

Ci sono motivi molto più validi per far ri-atterrare un aereo poco dopo il decollo, eppure in questo caso ci sono voluti addirittura due caccia di scorta: è successo all’aeroporto di Toronto, Canada. Un aereo di linea della compagnia Sunwing, diretto a Cuba, è stato costretto a fare marcia indietro ieri, scortato da due caccia F – 18, a causa di due passeggere ubriache, troppo moleste per poter gestire la situazione a bordo. Le due, sui vent’anni, appena salite a bordo si sono chiuse nel bagno ed hanno iniziato a scolarsi una gran quantità di bevande alcoliche, acquistate nei negozi duty – free, e, non paghe, si sono pure accese una sigaretta facendo scattare l’allarme anti fumo. Questo ovviamente ha spaventato non poco gli altri passeggeri che hanno dovuto sorbirsi anche il penoso spettacolo delle due, completamente in preda ai fumi dell’alcol, che hanno anche proferito minacce generiche, non credibili a causa del loro stato. Questo è l’episodio, come raccontato da alcune fonti della compagnia aerea. L’equipaggio ha quindi deciso di invertire la rotta e fare ritorno immediato a Toronto; il comando della difesa aerospaziale del Nord America (Norad) ha subito messo a disposizione i due caccia F – 18 dalla base di Bagotville, nella zona di Quebec City, per scortare l’aereo che stava portando i turisti verso le spiagge cubane di Varadero. Una volta atterrati in piena sicurezza, i due caccia sono subito tornati alla base. Le due ventenni sono state arrestate e interrogate.

L’aereo è potuto ripartire solo in tarda serata con un nuovo equipaggio e la Sunwing si è scusata pubblicamente per l’episodio. Non è neppure la prima volta che su un aereo di questa compagnia succeda un episodio simile: nel luglio scorso, un altro aereo diretto a Panama era stato costretto a rientrare a causa di passeggero che si era rivelato minaccioso.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.