Tommaso Napoli - 16 aprile 2015


Selvaggia Lucarelli a Maria Elena Boschi: “Smettila di comprare leggins”

Selvaggia Lucarelli a Maria Elena Boschi: "Smettila di comprare leggins"

Selvaggia Lucarelli, opinionista, conduttrice televisiva, blogger, conduttrice radiofonica e scrittrice, è nota nel mondo dello spettacolo anche per essere una senza peli sulla lingua che quando ha qualcosa da dire lo fa senza guardare in faccia nessuno. La Lucarelli è molto popolare anche nei social, su Facebook viene seguita da più di 500mila persone. E proprio sul noto social network in blu l’opinionista ha commentato il look sfoggiato dal ministro per le Riforme Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, alla prima del nuovo film di Walter Veltroni “I bambini sanno”. Nella mattina del 15 aprile la Lucarelli scrive: “La Boschi è un ministro senza portafoglio e allora levateglielo così la smette di comprare leggins e quelle scarpe e quei chiodi e a abbinarli che la Arcuri al confronto è Anna Wintour”. I commenti al post sono stati veramente tanti, al più tutti concordanti con il messaggio della stessa come chi scrive “trovatele una personal shopper” oppure “ma perché tanto cattivo gusto?”, anche se alcuni messaggi sono riservati in difesa del ministro; un utente ad esempio commenta che la donna può mettersi quello che gli pare in quanto suo diritto, criticare chi sta al governo per quello che fa e non per un paio di scarpe, mentre un altro scrive: “Tutte quelle che hanno espresso commenti negativi su una così gran bella ragazza come la Boschi, sono le stesse che ogni giorno popolano le strade delle nostre città e fanno ridere i polli per come si vestono”. Nessuna risposta ufficiale è ancora arrivata da parte della Boschi, una replica che molto probabilmente non arriverà mai.

La Boschi è un ministro senza portafoglio e allora levateglielo così la smette di comprare leggins e quelle scarpe e quei chiodi e a abbinarli che la Arcuri al confronto è Anna Wintour.

Posted by Selvaggia Lucarelli on Mercoledì 15 aprile 2015

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.