Valentina Giannettoni - 28 aprile 2015


Tonelli: “Denis è un vigliacco, io non ho minacciato nessuno”

Tonelli: "Denis è un vigliacco, io non ho minacciato nessuno"

Il difensore empolese Lorenzo Tonelli ha voluto riferire, ieri tramite Facebook, la propria versione dei fatti riguardanti la lite fra lui e German Denis durante il post gara di Atalanta-Empoli. “Ci tengo a dire che io non ho minacciato nessuno, tanto meno sapendo che il diretto interessato è padre di un bambino che al momento era lì con lui”. Lorenzo Tonelli, difensore della squadra toscana, durante Atalanta-Empoli è stato colpito con un pugno dall’attaccante bergamasco German Denis; quest’ultimo, secondo la sua versione, era stato minacciato di morte. In merito a queste possibili minacce, Tonelli sul proprio profilo Facebook ha voluto precisare: “Provengo da una famiglia che mi ha educato bene e mi ha insegnato come rispettare le persone, la mia famiglia (mio nonno, mio padre e mio zio sono medici) salvano vite, non ammazzano di certo nessuno”. Sempre il difensore toscano ha ribadito: “Sono stato zitto fino ad adesso perché sono innocente e quindi non mi devo giustificare, a differenza di altri che lo dovrebbero fare”. “Mi sono preso un cazzotto, per giunta anche a tradimento, da un vigliacco che è pure scappato senza aver avuto il coraggio di affrontarmi e, come se non bastasse, mi sono preso anche la squalifica, questa è giustizia secondo voi? Ma adesso basta con queste accuse senza prove! Basta con le ingiustizie. Sono il primo a dire no alla violenza”. “Chiarirò ulteriormente in conferenza stampa prima della prossima gara della mia squadra”. Conclude ringraziando sul suo profilo Facebook tutti coloro che gli sono stati vicini. Oltre che da chiarire la vicenda come è giusto così, dovremmo riflettere se ancora vale la pena vedersi una partita di calcio.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.