Redazione - 1 aprile 2016


Calcio, c’è il derby di Roma in Serie A. Totti ai saluti?

Calcio, c’è il derby di Roma in Serie A, Totti ai saluti?

E’ previsto per domenica 3 aprile, alle ore 15, il derby di Roma. Non ci sono in ballo particolari ambizioni da parte della Lazio, è più che altro la Roma che si sta giocando il terzo posto che vale la Champions League. Eppure il derby della Capitale ha sempre il suo fascino. I pronostici e le quote dicono Roma ed il motivi sono palesi: negli ultimi 5 derby giocati i giallorossi hanno vinto 3 volte, mentre l’ultima vittoria della Lazio risale al famoso 26 maggio 2013, giorno della finale di Coppa Italia vinta proprio dai biancocelesti con un goal di Lulic.

Le due settimane di attesa che ci sono volute per arrivare a questo derby hanno ovviamente aumentato le discussioni nell’universo delle radio sportive. Tra gli argomenti più dibattuti c’è il discorso legato ai numerosi giocatori che con ogni probabilità giocheranno l’ultimo derby di Roma nella loro carriera. In cima a questa lista c’è capitan Totti che dopo 20 anni di carriera vissuta tutta con la maglia della Roma dovrebbe partire dalla panchina e oltretutto c’è il serio rischio di non vedersi rinnovato il contratto al termine della stagione. Ad essere ai titoli di coda con la maglia della Roma ci sono anche Maicon e Keita, mentre Pjanic e Manolas sono corteggiati da PSG, Chelsea e Atletico Madrid.

Discorso molto simile anche in casa Lazio dove Stefano Pioli con ogni probabilità verrà sollevato dall’incarico al termine della stagione. Sul fronte giocatori i veterani Klose e Mauri dovrebbero con ogni probabilità chiudere la loro esperienza in biancoceleste, così come Antonio Candreva che dovrebbe essere ceduto all’Inter di Mancini. In dubbio c’è anche la permanenza di Biglia qualora arrivasse un’offerta sopra i 20 milioni di euro per il suo cartellino.

A parte tutti questi possibili addii le ultime notizie che ci arrivano dalla Capitale non sono di certo confortanti. Se vi aspettavate il tutto esaurito come capita sempre questa volta non succederà, le frange più calde del tifo delle due squadre hanno deciso di boicottare il derby in segno di protesta verso le società e nei confronti di Gabrielli per la questione riguardante le barriere nelle curve. Insomma, ancora una volta il calcio italiano, con tutte le sue contraddizioni, si dimostra non ancora all’altezza dello spettacolo di Premier League e Bundesliga.

Leggi anche:

Scrivi la tua opinione

You must be logged in to post a comment.